rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Attualità Narni

Narni, la storia di Daniele e la speciale esperienza: “Ho scoperto la passione per la handbike'”

In occasione del ‘Narni Games’ ha chiesto agli organizzatori se era possibile provare la "handbike" la speciale bicicletta identica a quella utilizzata dal grande Alex Zanardi

Una giornata speciale. Che Daniele non dimenticherà mai. Lui è un disabile sulla carrozzina, ha 38 anni ed abita in via Tiberina alla periferia di Narni. Sabato scorso (8 giugno) in occasione di "Narni Games" è andato a vedere il Meeting di lanci paralimpici presso il campo scuola "Bertolini" di Narni Scalo. Ed è lì che ha chiesto agli organizzatori se era possibile provare la "handbike", ovvero la speciale bicicletta identica a quella utilizzata dal grande Alex Zanardi. Una bici che si usa 'pedalando' con la sola forza delle braccia. Daniele se l'è cavata egregiamente, percorrendo un ampio tratto della pista di atletica in sella alla "handbike".

E' stata un'esperienza che, oltre a divertirlo molto, lo ha anche gratificato da un punto di vista personale. "Mi è piaciuto molto vivere questa esperienza - ha riferito Daniele -, e vorrei che tutti i ragazzi disabili possano impegnarsi in attività simili. Tutti noi dobbiamo essere attivi e partecipare ad eventi e manifestazioni".

Nelle parole di Daniele si avverte un notevole entusiasmo. Egli sprona tutti coloro che vivono la loro disabilità ad impegnarsi in prima persona, partecipando a ogni genere di manifestazione, in modo particolare ad eventi come quello organizzato sabato scorso a Narni Scalo. Daniele ha molti interessi: la lettura, la Ternana e lo sport. "Partecipo inoltre - spiega -, alle tante attività sociali che svolgo presso l’associazione 'Il Faro' di Narni.

Sono un tifoso della Ternana, che seguo per la maggior parte delle partite casalinghe durante l’anno. Da poco - rivela - ho scoperto la passione per la 'handbike' e quindi non mi è parso vero poter provare sabato scorso la bici identica a quella usata da Zanardi. Mi piacerebbe praticare regolarmente questa disciplina sportiva ponendomi l’obiettivo di disputare quanto prima alcune gare. Voglio sottolineare il fatto che l’esperienza che ho potuto fare sabato è stata possibile grazie all’iniziativa del Comune di Narni e del centro diurno Il Faro, diretto dal coordinatore Manuele Pasero, che ringrazio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Narni, la storia di Daniele e la speciale esperienza: “Ho scoperto la passione per la handbike'”

TerniToday è in caricamento