rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Attualità

Dal fosso di via Parini spunta pure un casco da motociclista: al lavoro per ripulire i corsi d’acqua di Terni e del territorio

Il primo bilancio della stagione irrigua 2023 del Consorzio Tevere Nera: “Nessuna emergenza, ma è di fondamentale importanza la prevenzione, anche alla luce di eventi estremi e intensi come quelli che ormai siamo abituati a vivere”

Piogge intense per tutto il mese di giugno e un’estate che ha tardato il suo arrivo. Rispetto allo scorso anno, il primissimo bilancio della stagione irrigua 2023 è positivo. Nessun problema di approvvigionamento idrico e di stoccaggio dell’acqua. Il Consorzio di bonifica Tevere Nera è stato impegnato, fin da inizio stagione, in attività di routine: riparazione di tubazioni e manutenzioni ordinarie. Grazie a progetti finanziati con fondi regionali e statali, l’ente sta mettendo mano a vecchie condotte, ormai obsolete. I tre invasi nel Comune di San Gemini hanno lavorato a pieno regime e presto saranno rinnovate anche le vasche “A” e “B”, che consentiranno di erogare ulteriore acqua agli impianti di irrigazione del territorio narnese-sangeminese.

“Ribadiamo che è di fondamentale importanza una strategia della prevenzione, anche alla luce di eventi estremi e intensi come quelli che ormai siamo abituati a vivere durante la stagione estiva e non solo”, queste le parole del presidente Massimo Manni.

Un grande lavoro è stato portato avanti dal consorzio anche all’interno della città, negli orti urbani. All’ordine del giorno gli intasamenti e le ostruzioni delle canalette, ripulite sempre con mezzi e personale dell’ente e le sorprese non sono mancate: in via Parini è stato persino trovato un casco da motociclista che ostruiva il passaggio dell’acqua.

Sono diverse anche le attività di manutenzione ordinaria dei corsi d’acqua che il consorzio sta effettuando in tutta la provincia. In particolare, nel territorio comunale di Terni si sta operando per l’ordinaria manutenzione del fosso di Stroncone, del fosso Schiglie, del fosso di Vallecaprina e del fosso Lagarello. Il fosso di Stroncone è inoltre protagonista di una specifica sistemazione idraulica, che prevede l’innalzamento di un argine, la realizzazione di una sponda, il ripristino di un vecchio muro esistente e la costruzione di un altro, del tutto nuovo. Un consolidamento strutturale sta interessando il torrente Serra, sempre a Terni. Sono invece appena terminati i lavori sui fossi di Valenza, Rivo, Calcinare, Toano e Corro. L’ente è in attesa di autorizzazioni per intervenire sui fossi Gabelletta, Cesi e su molti altri corsi d’acqua in Valnerina.

Sul torrente Rio Grande (nel tratto tra Montecastrilli e Guardea), sul fosso Porcareccia (Avigliano Umbro), sul fosso Sambuco dell’Arena (Montecastrilli e Avigliano Umbro) e sul fosso San Cristoforo (Amelia), il consorzio è impegnato nella pulizia dei corsi d’acqua, nel rinforzare le sponde con scogliere e nel togliere vegetazione e detriti dall’alveo. Per la direttrice, Carla Pagliari: “In merito ai lavori di manutenzione, l’ente concentra molte energie per la sicurezza, la praticabilità e la bellezza dei territori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal fosso di via Parini spunta pure un casco da motociclista: al lavoro per ripulire i corsi d’acqua di Terni e del territorio

TerniToday è in caricamento