rotate-mobile
Venerdì, 1 Marzo 2024
Attualità

Terni, dimissioni di Stefano Bandecchi: “Le ritiro se risolviamo i problemi interni"

Intervento del sindaco Stefano Bandecchi: "Tuttavia devo parlare con i miei e trovare la condizione per accontentare i ventimila cittadini”

Una fugace colazione, prima di salire a palazzo Spada. Il sindaco Stefano Bandecchi, sollecitato dai consiglieri di opposizione seduti nella sala consiliare, ha spiegato le motivazioni che lo hanno portato a rassegnare le dimissioni. L’atteso intervento di Bandecchi: “Come ho già chiarito alla stampa nazionale ed internazionale ciò che sta succedendo a Terni è ciò che ho promesso ai ventimila cittadini che mi hanno votato. Una politica nuova, diversa e rivolta al servizio. A differenza di tanti che sparano delle stupidaggini non sono il primo cittadino di tutti. Il sottoscritto saluta tutti per primo e stringe la mano a tutti. Stamattina, ad esempio, un cittadino non mi ha dato la mano. Nessuno si deve meravigliare poi che mi rivolgo ai miei elettori". 

Il sindaco ha poi aggiunto: "In questi giorni ho avuto dei momenti di grande turbamento dove volevo ritirare le dimissioni. Il merito? Le dichiarazioni di Cecconi, Filipponi e Melasecche. Ogni parola espressa dall’opposizione è stata traumatica. Tuttavia devo parlare con i miei e trovare la condizione per accontentare i ventimila cittadini”.

Questione interna: “Qualcosa botte nella pentola di Alternativa popolare. Avete visto che Filippetti si è dimesso. Intanto ho dato le dimissioni. Se risolveremo i nostri problemi interni le ritirerò”. Sospensione del Consiglio comunale, a seguito di un battibecco in aula. Sono presenti decine di cittadini nella sala consiliare di palazzo Spada. I lavori sono ripresi dopo una decina di minuti. Tutti gli approfondimenti nel corso della giornata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, dimissioni di Stefano Bandecchi: “Le ritiro se risolviamo i problemi interni"

TerniToday è in caricamento