rotate-mobile
Attualità

Chiude attività commerciale a Terni: “Amore e rispetto per gli animali. Auspico una prosecuzione poiché lo merita la città”

Il racconto di Enrico Parisi: “Dopo oltre quarant’anni di lavoro è venuto il momento di godermi la pensione. Il locale potrebbe continuare a vivere”

Sette anni di attività, migliaia di clienti ricevuti spesso accompagnati dai loro amici a quattro zampe. Il signor Enrico Parisi, nei giorni scorsi, ha affisso un cartello inequivocabile all’esterno di ‘Royal Pet’. Per l’imprenditore è arrivato il momento di abbassare le serrande, nonostante il buon andamento delle vendite e godersi la meritata pensione. Il negozio è diventato un punto di riferimento, nel corso degli anni, intercettando le esigenze di chi vuol donare ai propri cani piccoli accorgimenti per poter vivere in modo migliore.

Alla nostra redazione di www.ternitoday.it l’imprenditore ripercorre i passaggi salienti di Royal Pet: “Ho aperto l’attività nel febbraio 2017, dopo anni in cui mi sono occupato di informazione scientifica dei farmaci. Il percorso di studi in scienze biologiche è stato utilissimo. Poiché sussisteva una certa affinità con il mondo animale decisi di intraprendere questo “nuovo percorso”. Cosa ha influito: “di sicuro la presenza costante di cani in casa, adesso c’è Ginevra affianco al sottoscritto oltre che naturalmente l’amore ed il rispetto per gli animali. Così ho rilevato un’attività già presente e cominciato questo cammino nel settore del Pet”.

Alcune caratteristiche: “Ho puntato su articoli che difficilmente si trovano nella grande distribuzione. Ad esempio cucce, capi di abbigliamento piuttosto particolari. Tutto ciò per fornire un contributo alla città. L’impatto è stato sicuramente positivo. Il Covid poi ha influenzato in maniera negativa il mercato del Pet, che è poi ripreso in modo graduale fino ai giorni nostri. La clientela è molto ampia ed il negozio si è specializzato nel soddisfare in particolar modo le esigenze dei cani di piccola e media taglia che nel centro storico sono molto più numerosi dei pelosi a quattro zampe più grandi. Le vetrine – afferma il signor Enrico – sono state sempre il punto di forza con le esposizioni degli articoli più particolari a fare la differenza come ad esempio abiti per cerimonie, smoking (tra i prodotti più originali). Il lavoro implica sicuramente passione, pazienza nel trovare i capi adatti ed un pizzico di preparazione nel conoscere alcune nozioni basilari anche in merito alla salute, come ad esempio il tipo di alimentazione da consigliare”.

In questi sette anni il signor Enrico ha stretto un ottimo rapporto con gli altri colleghi di via Roma: “Abbiamo una chat in comune dove organizzare eventi, iniziative e condividere idee e progetti. La via detiene grosse potenzialità di espansione, sotto il profilo commerciale, nonostante alcune criticità che avvolgono la città a livello occupazionale”. Una decisione ponderata nel tempo: “Sono arrivato all’età dei 65 anni e dopo tanti anni di lavoro è arrivato il momento del riposo. Da qualche giorno è partita una svendita. Tuttavia, al sottoscritto interessa garantire una prosecuzione. Il negozio è anche predisposto per la toelettatura anche se essendo solo non ho dato vita a tale servizio. Sarebbe bello trovare delle persone interessate a garantire continuità, magari giovani. La città lo merita, anche perché questo è diventato un punto di ritrovo per tanti clienti ed amici pelosi”.

Una chiusura che, naturalmente, detiene dei risvolti per la clientela: “Si instaura un rapporto di fiducia, empatia poiché, occorre rimarcarlo, si va a toccare un affetto particolarmente caro alla singola persona. Importante anche collaborare con gli altri colleghi della via per dar vita ad una vera e propria sinergia, collaborando alle varie “iniziative”. Le richieste più disparate: “In due occasioni è stato richiesto un velo da sposa da mettere al proprio cane, inoltre vestire i Terranova è piuttosto complicato, per la loro stazza ed anche in questo caso sono riuscito ad esaudire le particolari richieste. Durante il periodo invernale vanno per la maggiore i dolci come i Canettoni ed ulteriori prodotti prettamente natalizi. Dispiace – conclude – congedarsi. La città è piena di amanti degli animali, un tesoro da preservare”.

A testimoniare il bel legame instaurato con i clienti la commozione di una cliente entrata a negozio, una volta letta l’insegna fuori dal locale che annuncia la svendita che proseguirà nelle prossime settimane. Era doveroso sottolinearlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiude attività commerciale a Terni: “Amore e rispetto per gli animali. Auspico una prosecuzione poiché lo merita la città”

TerniToday è in caricamento