rotate-mobile
Attualità

Strisce “fantasma”, così le strade di Terni diventano una trappola per i pedoni

Segnaletica orizzontale sbiadita e rischi per chi va a piedi. Il dissesto stradale è la principale causa di denunce per lesioni e richieste di rimborso per danni

C’erano una volta le strisce pedonali. E invece così le strade si trasformano in una “trappola” per i pedoni. Basta fare un giro per le strade della città per rendersi conto che la segnaletica orizzontale è – nella maggior parte dei casi – sbiadita quando non del tutto assente.

Un problema serio che diventa grave, ad esempio, nelle ore notturne. “Noi ternani, bene o male, e grazie alle nostre reminiscenze storiche sappiamo più o meno dove sono localizzate”, dice un lettore segnalando la questione a Terni Today. “Ma un forestiero – aggiunge - non può guidare con tanta fantasia”.

Strisce pedonali "fantasma", la situazione a Terni

Urge gesso, insomma, per un restyling approfondito della manutenzione stradale. Tenendo in considerazione un ulteriore dato: strade piene di buche, tombini che diventano voragini, alberi pericolosi sono le principali cause che spingono i cittadini di Terni a trascinare in tribunale Palazzo Spada.

Secondo i dati raccolti nel report 2021 del controllo di gestione effettuato dal Comune di Terni, i sinistri denunciati sono stati complessivamente 95. L’anno con il numero maggiore di sinistri denunciati è stato il 2018 con 127 denunce, seguito dal 2017 (107). Il 2021 ha superato il dato del 2019 (95 a 94) mentre il 2020 - probabilmente, anche in conseguenza di lockdown e zone rosse - è stato l’anno più sicuro con “solo” 69 denunce.

“Anche nel 2021 – è illustrato nella relazione - il dissesto stradale (buche e tombini) si conferma la principale causa delle denunce per lesioni e danni materiali, raggiungendo l’80% dei sinistri denunciati, in aumento rispetto agli anni 2019 (73,40% dei sinistri denunciati) e 2020 (65,22% dei sinistri denunciati). Il restante 20% dei sinistri risulta provocato da alberature, animali selvatici, lesioni riportate sui sentieri della cascata delle Marmore. Con riferimento alle lesioni/danni da alberature, pari al 7,37% dei sinistri, si osserva un calo rilevante rispetto al 2020, anno in cui le alberature sono state la causa del 27,54% dei sinistri denunciati”.

In particolare, i sinistri per lesioni e danni materiali per dissesto stradale (buche e tombini) sono stati 76 nel 2021: in 32 casi sono state denunciate anche lesioni mentre i sinistri per danni materiali sono stati 44. Lesioni e danni materiali da alberature hanno provocato 7 sinistri (solo danni materiali), mentre 3 sono state le denunce per lesioni derivate da incidenti lungo i sentieri della cascata delle Marmore e 2 i sinistri per danni materiali provocati da animali selvatici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strisce “fantasma”, così le strade di Terni diventano una trappola per i pedoni

TerniToday è in caricamento