Striscioni in varie zone della città di Terni: “La lotta alla cultura dello sballo è necessaria per un vero cambio sociale”

L’iniziativa del Partito Comunista che annuncia: “Definiremo quali sono i ruoli repressivi per dare una risposta efficace alla lotta al traffico di stupefacenti”

foto striscione

La tragedia che ha sconvolto la vita a due famiglie ternane è ancora impressa nella memoria collettiva cittadina. Numerosi sono stati gli interventi a riguardo, come le iniziative prospettare per cercare di arginare il fenomeno del traffico di stupefacenti. A Terni sono comparsi diversi striscioni a proposito. Segnaliamo: “Contro la cultura dello sballo” “Chi spaccia è al servizio del capitale” e “Chi ti vuole addomesticare lo sballo non ti fa mancare”. Si tratta di un’iniziativa del Partito Comunista che lancia un evento il quale si svolgerà nel prossimo mese di settembre.

“C’è il momento del silenzioso rispetto verso chi ha perso la vita e chi ne piange la perdita, poi c’è il momento di analizzare i fatti ed approfondire le reali problematiche e le dinamiche che si celano dietro certe vicende. Prima di tutto però, è doveroso porgere le più sentite condoglianze alle famiglie dei due ragazzi, scomparsi maledettamente troppo presto ed in un modo che ci lascia tutti sgomenti e con un enorme interrogativo: le istituzioni come hanno affrontato questa tragedia?” si interrogano.

“Ne abbiamo lette e sentite di ogni, dal becero sciacallaggio politico da parte di chi, storicamente, predica bene e razzola male e che trova sempre il capro espiatorio nelle classi più deboli, al più ridicolo “scopiazzamento” da parte di chi fa propri concetti importanti e slogan virtuosi senza comprenderne strumentalmente il senso, parole che non trovano poi un pratico riscontro. La lotta alla cultura dello sballo è quanto di più necessario e definitivo da attuare - osservano - per arginare il problema ed improntare un vero cambio sociale. Tutto ciò va ben oltre le ordinanze proposte da chi, in questi giorni, si è indebitamente appropriato di questo slogan”.

Le proposte a riguardo e l'annuncio

“È necessario un cambio di sistema economico e sociale. È necessario muoverci verso un sistema che metta al primo posto il lavoro, la sanità, l’assistenza pubblica e gratuita, la scuola pubblica, lo sport e la cultura. Avere come focus l’aspetto umano e la formazione dell’individuo, partendo dalle giovani generazioni, secondo un concetto sociale e culturale totalmente opposto rispetto a quello che ci impone “il capitale”.

Consapevoli di questo - a settembre - il Partito Comunista proporrà un’iniziativa a riguardo. Questa esprimerà a chiare note la linea di pensiero comunista. Definiremo quali sono i ruoli repressivi per dare una risposta efficace alla lotta al traffico di stupefacenti, legali e non e quali invece sono i ruoli sociali per mettere in pratica le giuste azioni nei territori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Coronavirus, la regione Umbria rivede la zona ‘gialla’. A Terni crolla il dato degli attuali positivi: oltre centoventi guarigioni

Torna su
TerniToday è in caricamento