Teatro Verdi da ricostruire, soluzione entro novembre

L'assessore ai Lavori pubblici: "Sull'estetica pronti a indire una consultazione popolare. Negozi e abitazioni al posto del Politeama? Sono perplesso"

"Entro novembre sarà indicato il percorso di ricostruzione del Verdi  in quanto Terni ha bisogno di questo spazio culturale e identitario che non può essere supplito da altri luoghi, per questo come amministrazione abbiamo detto no a quelle proposte che vorrebbero realizzare strutture teatrali da 900 posti al Cmm". Lo ha detto oggi l'assessore ai Lavori pubblici, Enrico Melasecche, nel corso dei lavori della prima commissione consiliare che ha affrontato la questione del recupero del teatro. 

"Non sono d’accordo con il consolidamento di una struttura vecchia ma non antica come l’attuale - ha affermato - la trovo una operazione senza molto senso. Occorre una struttura portante che risponda a tutti i criteri di sicurezza e di antisismicità, sull’estetica pronto a una consultazione popolare, fermo restando che vedo il Verdi come un elemento identitario della città, simbolo della Terni dell’Ottocento e del Novecento. In ogni caso va assolutamente salvaguardato il pronao, l’unica parte realmente originaria rispetto al resto della struttura ricostruita nel Dopoguerra. Questa soluzione l’avevo peraltro concordata con l’ingegner Giuseppe Belli a capo delle molte associazioni che sostengono da sempre l’estetica del Poletti".

In commissione è intervenuto anche l’assessore alla Cultura, il vicesindaco Andrea Giuli, che, nel dibattito tra teatro polettiano e teatro moderno, ha auspicato “una situazione intermedia dal punto di vista stilistico, un teatro all’italiana dai connotati moderatamente moderni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella discussione c’e stato spazio anche per parlare del piano attuativo residenziale e commerciale per Il Politeama che è stato recentemente presentato in Comune e che punta a realizzare negozi e appartamenti al posto dello storico cinema. “Un atto che desta fortissime perplessità - ha detto Melaseccce - in quanto considero il Politeama  cinema e spazio culturale, elemento fondamentale per il rilancio del centro cittadino. E’ un atto legato al vecchio Prg, strumento urbanistico che ha previsto questa possibilità sia per il Politeama che per il Verdi”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Coop contribuisce a combattere il Coronavirus: “Abbassato il prezzo delle mascherine chirurgiche in vendita nei negozi”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento