rotate-mobile
Attualità

Terni, l’Agcom scrive al Comune: violata la par condicio

Focus dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni su brochure pubblicitaria e rendiconto 2023

Brochure pubblicitaria e rendiconto 2023: l’Agcom scrive al Comune per violazione della legge per la par condicio. I fatti riguardano la brochure pubblicitaria e il rendiconto di gestione del 2023.

L’Agcom ordina “al Comune di Terni - si legge nella delibera - di rimuovere dal portale istituzionale la comunicazione dell’ufficio stampa pubblicata il 22 aprile 2024 recante ‘Approvato il rendiconto 2023. Aumentano gli accantonamenti. Il consiglio approva. Non è stato necessario finanziare disavanzi’ e di pubblicare sul sito web, sulla home page, entro un giorno dalla notifica del presente atto, e per la durata di quindici giorni, un messaggio recante l’indicazione di non rispondenza della sopradetta comunicazione dell’Ufficio stampa e della distribuzione del depliant titolato ‘11163/24/CONS 7 mesi della politica del fare. I cambiamenti dell’amministrazione Bandecchi’ a quanto previsto dall’art. 9 della legge 22 febbraio 2000, n. 28. In tale messaggio si dovrà fare espresso riferimento al presente ordine. Dell’avvenuta ottemperanza alla presente delibera dovrà essere data tempestiva comunicazione all’Autorità al seguente indirizzo. Il presente atto può essere impugnato davanti al Tribunale amministrativo regionale del Lazio entro 60 giorni dalla notifica dello stesso. La presente delibera è notificata al Comune di Terni e al Comitato regionale per le comunicazioni dell’Umbria e pubblicata sul sito web dell’Autorità”. 

Già dalla “nota del 30 aprile 2024 - si legge - (prot. n. 0120724) con la quale il Comitato regionale per le comunicazioni dell’Umbria ha trasmesso le conclusioni istruttorie e la delibera relative163/24/CONS 2 al procedimento avviato nei confronti del Comune di Terni a seguito della segnalazione del consigliere comunale Francesco Filipponi e della successiva segnalazione del coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, signor Alberto Rini”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, l’Agcom scrive al Comune: violata la par condicio

TerniToday è in caricamento