Disabilità, Afad mette sotto tiro il Comune di Terni: progetti dimenticati e vecchie logiche, quante occasioni perdute

La presidente dell’associazione, Delfina Dati: “Svaniti nel nulla i risparmi per il servizio di trasporto, nessun sostegno per i ragazzi rimasti a casa da scuola. È cambiata la forma, ma non la sostanza nella gestione del welfare”

“Osservando la storia della nostra città degli ultimi 20 anni la potremmo riassumere così: due occasioni di rinnovamento perdute. La prima terminò nel 1999 dopo alcuni anni di buon governo dei quali ancora oggi si parla. Dopo quasi venti anni di centrosinistra, la seconda: iniziata nel 2018, ha esaurito la sua spinta propulsiva poco dopo un avvio molto più brillante del proseguo”.

A parlare è Delfina Dati, presidente dell’Afad, associazione che si occupa dei diritti delle persone con disabilità e che con circa 600 iscritti è la realtà più significativa del Ternano e una delle più importanti dell’Umbria. “Siamo gli unici che nel corso del tempo ci siamo strutturati con organi di indirizzo al pari di ogni associazione che si rispetti: uno statuto, un ufficio di presidenza con tanto di vice presidente, un consiglio direttivo composto ad oggi da 15 unità, una assemblea degli iscritti. Quando ci ‘muoviamo’, lo facciamo solo dopo un percorso condiviso, partecipato e sostenuto dai nostri iscritti, per questo – aggiunge - non sono possibili strumentalizzazioni da parte di nessuno. Ci occupiamo da sempre di disabilità a tutti i livelli e da sempre perseguiamo un paradigma nuovo e diverso. Prima gli utenti poi i gestori di servizi”.

Oggi Afad traccia un bilancio a quasi due anni dall’insediamento della giunta Latini, tirando le somme su quelle che sono le politiche per il sostegno alla disabilità di Palazzo Spada.

“Ricordo che salutammo l’insediamento della prima edizione dell’amministrazione Latini carichi di aspettative. Le primissime interlocuzioni ci sorpresero in senso positivo per desiderio di concretezza e per la chiarezza degli obbiettivi. Li ritrovammo poi scritti nero su bianco sul Dup (il documento di programmazione) approvato già nel settembre 2018 da tutta la maggioranza compatta. Venivamo da anni in cui le nostre istanze erano state sempre disattese. Trovammo scritto: incentivazione di progetti di vita indipendente, voucher e libertà di scelta per alcuni servizi, al contrario non leggemmo più neanche una sola volta ‘continuità’! Constatammo piacevolmente sin dalle prime battute l’attuazione degli impegni contratti con noi e con altre associazioni. Ad esempio il reperimento di risorse per i progetti di vita indipendente che chiedevamo da anni. Pensammo e constatammo che si stesse avviando il cambiamento richiesto a gran voce dai cittadini di Terni”.

Le premesse, secondo Afad, sono però presto svanite dopo un primo periodo di proficua collaborazione.
“A distanza di circa 13 mesi dall’inizio la prima tegola. Latini o chi per lui cambia il nostro interlocutore di riferimento. Per ragioni che oggi più che mai appaiono lontane dalla buona amministrazione ma al contrario vicine a quella politica che a nostro avviso si pone a questo punto in evidente continuità con coloro che, cronache alla mano, hanno avuto la responsabilità del governo per decenni nella nostra città facendola sfiorire. Metodi analoghi, sostanza svanita e non più pervenuta. Subito dopo la seconda tegola: svaniti nel nulla i 170.000 euro risparmiati dalla riorganizzazione dei trasporti da e per i centri diurni e con essi la possibilità di riattivare l’attività motoria in acqua che ci era stata promessa”.

“Ed è notizia di oggi – rileva la presidente Dati - che con la determina 1271 è stata varata una commissione per la valutazione di cosiddetti progetti di innovazione sociale a seguito di una procedura introdotta dalla delibera 53 dell’11 marzo 2020. Il metodo: si aprono i termini per una dimostrazione di interesse dal 20 marzo al 20 aprile, in piena epoca di Coronavirus con tutti concentrati a superare la fase di chiusura totale del nostro Paese. Nessuno ci ha coinvolto nel processo di individuazione degli obbiettivi, nessuno ci ha chiamato nonostante si sbandieri di avere sempre la porta aperta, come nessuno ha chiamato nessuna delle associazioni accreditate, nessuno ha condiviso con noi le priorità. La sostanza: una cosuccia che vale 1,5 milioni di euro. Contenuti vaghi dei quali sfuggono le finalità nel senso più articolato. Basterebbe leggere la delibera e poi la determina, per rendersi conto che a Terni è cambiato solo il colore di chi governa ma non la sostanza. Basterebbe leggere la determina per non trovare alcun nome di nessuna nuova impresa del terzo settore che si aggiunga a quelle già note. In un passato anche recente, come tutti ricorderanno dalle cronache la città fu scossa dall’operazione Spada 1 e Spada 2. Gli inquirenti parlarono allora di sistema”.

“Per anni abbiamo perseguito il cambiamento vero del paradigma di sostegno e assistenza. Più progetti per la vita indipendente delle persone con disabilità. Risorse per il raggiungimento dell’autonomia di tutti coloro che la vita o la sorte ha già penalizzato sin troppo. Purtroppo possiamo solo constatare che il percorso avviato ha cambiato decisamente strada, imboccando di nuovo il percorso che le precedenti amministrazioni avevano battuto con determinazione. In più ed in forma peggiorativa non possiamo che notare che troppe scelte fatte di recente hanno fortemente penalizzato la nostra città ed il nostro mondo in particolare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Numerosissimi servizi ordinari sono stati completamente trascurati: ci sono forti ritardi nell’erogazione dei saldi per le spese già sostenute dalle famiglie per i progetti di vita indipendente a fronte dell’assunzione diretta di un operatore presso il proprio domicilio. Progetti per i quali il Comune, contrariamente ad altre amministrazioni regionali, non ha previsto alcuna continuità. Dei progetti personalizzati secondo la legge 328 del 2000 in capo al Comune che ogni persona con disabilità dovrebbe avere, perché non se ne parla più? Molte famiglie ne hanno fatto richiesta, senza ricevere alcuna risposta. Oggi, che siamo ormai a maggio e che i ragazzi con disabilità che frequentano la scuola sono a casa come tutti gli altri da marzo, perché il Comune non ha ancora garantito loro l’attività di sostegno così come avviene quando vanno nel proprio istituto di riferimento? Ci risulta che il servizio non erogato verrà comunque pagato alle cooperative in base ad un accordo nazionale e regionale. Come mai non siamo stati coinvolti neanche nella programmazione delle risorse che provengono dal fondo politiche sociali e fondo per la non-autosufficienza dei quali il Comune di Terni è capofila? Risorse da destinare all’assistenza di minori – persone con disabilità - persone non autosufficienti. Che fine ha fatto la conferenza dei sindaci, della quale ci fu un primo incontro nel giugno 2019 e della quale si sono perse le tracce, oggi che più che mai con la Asl avrebbe potuto determinare una vera rimodulazione dei servizi facendo chiarezza anche rispetto all’impiego di ingenti risorse? È per tutto questo che non capiamo perché quando non si riesce a portare avanti quello che rappresenta la normale gestione di un buon welfare, ci si impegni in un nuovo progetto che prevede un coinvolgimento sostanziale di persone e risorse. Insomma all’inizio ci è sembrato che il cambiamento si fosse realmente insediato nelle stanze che contano del Comune di Terni ma oggi non possiamo che constatare che questa amministrazione ha fatto scelte contrarie a quelle iniziali. Saranno i soliti poteri forti a condizionare le scelte della nostra città?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento