rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Attualità

Consorzio Tevere-Nera, stagione irrigua 2023 positiva, partiti i lavori all’invaso di Vallantica: “Sarà raddoppiato il volume”

Bilancio tracciato dal presidente Manni e dalla direttrice Pagliari: “Intervento ultimato entro maggio dell’anno prossimo. Costo complessivo dell’opera un milione di euro”

Consorzio di bonifica Tevere-Nera, chiusa in positivo la stagione irrigua 2023. Sono stati oltre mille gli ettari serviti nei comuni di Terni, Narni e San Gemini, 100 quelli nella zona di Alviano, Baschi e Montecchio. Anche nel Lazio, nel comune di Castiglione in Teverina, sono stati irrigati circa 20 ettari. Gli impianti hanno lavorato a pieno regime dal primo maggio e si è registrato un aumento dell’irrigazione con sistemi a goccia da parte degli utenti del Consorzio. Un segnale significativo in termini di risparmio idrico e di beneficio per le colture. Sono poi iniziati i lavori di ampliamento della vasca in località Vallantica (San Gemini). “Come per l’invaso di Quadrelletto, inaugurato nel giugno scorso, - spiega la direttrice dell’Ente, Carla Pagliari - sarà raddoppiato il volume, che passerà dal contenere 2.800 m3 di acqua a 5.000 m3”. I lavori termineranno entro maggio 2024 e il costo complessivo dell’opera è di un milione di euro con il finanziamento del ministero dell’agricoltura e sovranità alimentare. L’invaso servirà una superficie di circa 180 ettari nella zona di San Gemini e Terni (Maratta) e sarà di fondamentale importanza anche per i tanti orti urbani che si trovano nel quartiere Gabelletta”.

Il Consorzio ha messo mano anche ai nuovi impianti di distribuzione irrigua degli invasi. Al termine dei lavori nella seconda vasca di Vallantica e in quella in corso di ampliamento, si riusciranno a servire 300 ettari di terreno per un investimento complessivo di 2 milioni e 100 mila euro.

“Gli impianti di distribuzione – dichiara Massimo Manni, presidente del Consorzio – sono realizzati con sistemi all’avanguardia. L’utente e l’Ente hanno la possibilità di monitorare costantemente i flussi d’acqua, contabilizzarla e gestirla direttamente tramite app. Tutto questo significa stare al passo con i tempi ed evitare il più possibile dispersione di acqua. I lavori che stiamo effettuando per potenziare gli invasi ci permettono di programmare un futuro idrico capace di contrastare al meglio  l’emergenza siccità. Un rischio che il 2022 ci ha ricordato in maniera insistente e che purtroppo potrebbe ripresentarsi”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consorzio Tevere-Nera, stagione irrigua 2023 positiva, partiti i lavori all’invaso di Vallantica: “Sarà raddoppiato il volume”

TerniToday è in caricamento