Santa Maria Maddalena, il cantiere è ancora un miraggio: pugno duro del Comune di Terni

Troppi ritardi, estromessa l’azienda che doveva eseguire i lavori e individuata una nuova ditta. L’assessore Melasecche: hanno solo pochi giorni per iniziare l’intervento, i cittadini sono stanchi

Questa bretella s’ha da fare. Il Comune di Terni sfodera il pugno duro sul cantiere di via Urbinati/Santa Maria Maddalena: “Siamo stanchi di aspettare e i cittadini sono ancora più stanchi di noi”.

Dopo anni di impasse, l’ufficio tecnico di Palazzo Spada ha sollecitato la ditta incaricata di effettuare i lavori, intimando lo sblocco del cantiere. La situazione non è però cambiata e dunque la ditta è stata estromessa dall’appalto.

“Abbiamo incassato anche la fideiussione di oltre 200.000 euro – ricostruisce l’assessore ai lavori pubblici, Enrico Melasecche - per cui abbiamo a disposizione somme sufficienti per completare l’opera, considerato anche un consistente ribasso d’asta. Una procedura tutt’altro che semplice, ma abbiamo fatto semplicemente il nostro dovere”.

Con i soldi in tasca, adesso il problema è però individuare una nuova ditta. “Dopo aver interpellato via via tutte le imprese in graduatoria – spiega ancora Melasecche - è rimasta l’ultima, ternana, che dopo aver firmato il contratto avrebbe da tempo dovuto iniziare i lavori. Così almeno ci era stato assicurato”.

Cosa che però non si è verificata. “Poiché siamo stanchi di aspettare, anche perché i cittadini sono stanchi ancor di più, dopo tanti, troppi anni, provvederemo entro poche ore ad intimare l’inizio del cantiere dando alcuni giorni per provvedere. Poi procederemo, senza alcuna remora, come è nei poteri di una pubblica amministrazione seria. In caso di inadempienza incamerando anche questa seconda fideiussione. Siamo un’amministrazione che rispetta le imprese, anche e soprattutto quelle ternane, ma noi rispondiamo solo e soltanto ai cittadini e agli interessi generali della città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento