Terni città adatta ai bambini, i dati comparati: meno gelaterie e più asili nido. L'analisi

Secondo le rilevazioni di Holidu è Venezia la città più adatta ai più piccoli davanti a Rimini, Siracusa, Firenze, Pescara e Bergamo.

foto di repertorio

Una macroanalisi sui municipi - con un numero superiore a 100 mila abitanti - per accentarsi se le città esaminate siano, o meno, a misura di bambini. Diversi gli aspetti presi in esame: il numero di parchi divertimento, acquari, zoo e asili nido estrapolati dal database di Google Maps. Inoltre l’ammontare dei bambini e ragazzi - dai 0 ai 14 anni - presenti in ogni città dedotto dai dati Istat 2019 e le percentuali di case vacanza adatte ai più piccoli, analizzate mediante il database di Holidu.

Terni, trentaquattresima città adatta ai più piccoli

Attraverso l’analisi di Holidu si possono evincere alcuni dati interessanti. In primo luogo Terni si posiziona al 32° posto, pari merito con Ferrara, della speciale classifica con un punteggio complessivo di 3.43 poco inferiore a Perugia (3.72 ndr) e davanti a città come Piacenza, Parma, Forlì, Trento, Ancona, Napoli e Reggio Calabria. Tale indice di valutazione è deducibile da una serie di indicatori presi in esame e normalizzati con il dato complessivo della popolazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dati più evidenti sono due: il numero di asili nido il quale, parametrato con il numero di abitanti, la inserisce tra le migliori venti in Italia per presenza. La rilevazione sulle gelaterie fa arretrare Terni rispetto alle altre ‘concorrenti’. Sono stati computati 17 pubblici esercizi per uno degli indicatori più bassi tra tutti quelli rilevati. Nella media il valore di appartamenti adatti ai bambini (22,8%) con punteggio assegnato di 4,64 così come la presenza dei più piccoli in città (12884 ndr). Una curiosità: per poter stilare la graduatoria sono stati assegnati diverse percentuali di ‘peso’. Nello specifico: Parchi divertimento (10%), Zoo (10%), Acquari (10%), Asili nido (10%), Gelaterie (25%), Numero di bambini dai 0 ai 14 anni (5%), Appartamenti per bambini (30%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento