rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Attualità

Terni, il Comune annulla sanzioni e interessi sugli avvisi di accertamento Tari

Dopo l’incontro con le associazioni di categoria arrivata la determina dirigenziale. Riconosciuta la buonafede di circa settanta attività commerciali

Avvisi di accertamento Tari alle attività commerciali, arriva l’annullamento delle sanzioni e degli interessi da parte del Comune di Terni. In seguito all’incontro tre le associazioni di categoria, l’assessore comunale al bilancio e i tecnici dell’Ente (avvenuto il 3 aprile) stamattina è arrivata la determina dirigenziale che porta all’annullamento delle sanzioni e degli interessi relativi agli avvisi Tari dal 2016 in poi recapitati da Municipia a diverse attività commerciali del territorio. 

Nella determina, che riguarda circa settanta attività commerciali, si legge che “nel periodo novembre 2022- marzo 2023, il concessionario per l’attività di accertamento e riscossione, Municipia Spa inviava avvisi di accertamento relativi alle annualità 2016 e successive per l’utilizzo di aree scoperte operative nell’ambito dell’attività d’impresa dei contribuenti non dichiarate ai fini Tari”, arrivando poi alle ragioni portate avanti dalle associazioni di categoria in cui “i contribuenti non avevano mai ricevuto fatture relativamente alla Tari per le aree oggetto di contestazione, al momento del rilascio delle autorizzazioni per l’occupazione del suolo pubblico, gli incaricati non li avevano resi edotti della circostanza che l’occupazione era soggetta anche a tassazione Tari e che il modulo prestampato per la dichiarazione della tassa rifiuti non era chiaro e conteneva indicazioni specifiche soltanto per la parte inerente la produzione di rifiuti speciali, ma non anche per le occupazioni di suolo pubblico. Inoltre nel suddetto modulo non veniva specificata l’ipotesi di aree in concessione; in particolare, nel modello per le utenze non domestiche, in riferimento a locali ed aree ubicate nel Comune di Terni, non veniva prevista l’ipotesi di concessione/autorizzazione all’uso di suolo pubblico”. 

Così, il Comune ha deciso per l’annullamento di interessi e sanzioni e “di dare mandato al concessionario di procedere all’emissione di un nuovo provvedimento di rateizzazione a sostituzione del precedente, calcolato tenendo conto delle somme già versate e della decurtazione di sanzioni ed interessi per quei contribuenti hanno richiesto ed ottenuto una precedente rateizzazione”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, il Comune annulla sanzioni e interessi sugli avvisi di accertamento Tari

TerniToday è in caricamento