Emergenza sangue, a Terni è a rischio l’attività delle sale operatorie. L’appello: tornate a donare

Donatori sotto le dieci unità al giorno, scorte in zona allarme: per lo “zero negativo” in tutta l’Umbria è possibile garantire solo i casi di urgenza

“È di nuovo emergenza sangue. È necessario che si torni a donare perché è a rischio l’attività delle sale operatorie”. Patrizio Fratini, presidente di Avis Terni, non nasconde la preoccupazione per la situazione che si è creata dopo un periodo che aveva fatto ben sperare.

Dopo l’emergenza Covid19 in tanti sono andati a donare il sangue ma ora si è tornati di nuovo a livelli preoccupanti in fatto di scorte. Il Sit dell’ospedale di Terni ha fatto sapere che le scorte dell’emoteca sono scarsissime, in zona allarme. Che nel centro di raccolta di Terni i donatori in media sono sotto le dieci unità al giorno e che c’è bisogno urgente di donatori di tutti i gruppi.

Per alcuni, come lo zero negativo, è possibile garantire solo i casi di urgenza e in Umbria non c’è disponibilità di questo gruppo sanguigno.

L’appello di Patrizio Fratini è ai soci Avis e ai nuovi donatori: “Il sangue è vita. Prenotate la donazione ordinaria - dice -  e quella straordinaria di domenica 17 maggio”. Per prenotarsi è possibile telefonare, la mattina, al numero 0744.205679.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Inizia il week-end "arancione". Ecco cosa si potrà fare e cosa no

Torna su
TerniToday è in caricamento