Farmacie, i sindacati attaccano Dominici: si vuole mandare l'azienda alla deriva

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs criticano l'assessore alle Partecipate sull'eccessivo numero dei lavoratori e chiedono l'approvazione del bilancio

L'assessore alle Partecipate, Fabrizio Dominici

"Le farmacie comunali di Terni sono strategiche, una filiera importante del modello di welfare territoriale". I sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil attaccano l'assessore alle Partecipate, Fabrizio Dominici, che più volte in questi ultimi mesi - nel braccio di ferro sull'approvazione del bilancio - ha criticato l'eccessivo numero di personale dell'azienda. 

"Non si comprende in base a quale parametro si definisce eccessivo il livello di lavoratori e lavoratrici in forza a FarmaciaTerni - dicono - dato che non esistono parametri omogenei di riferimento a livello nazionale e nemmeno sul fronte dei servizi erogati. Al contrario, a nostro avviso è necessario mettere in campo tutte le iniziative utili alla salvaguardia dell’integrità del servizio e dei livelli occupazionali. Riteniamo – scrivono le tre sigle sindacali – che vi sia la necessità di un confronto con l’assessore competente, al quale abbiamo chiesto un incontro da più di un mese per discutere di molte cose, a partire dal piano industriale, senza però ottenere risposta. Invece delle frequenti dichiarazioni che hanno il solo effetto di preoccupare l’utenza del servizio e i dipendenti sarebbe preferibile che l’assessore si sedesse insieme a noi per cercare di risolvere i problemi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sindacati chiedono anche che si proceda rapidamente all'approvazione del bilancio anziché continuare in uno "uno stillicidio che ha il chiaro obiettivo di mandare alla deriva l’azienda, sia dal punto di vista finanziario, sia per la crescente disaffezione dei cittadini, a cui va sommata la consapevolezza delle lavoratrici e dei lavoratori di trovarsi in una condizione di assoluta incertezza rispetto alle prospettive future".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Coop contribuisce a combattere il Coronavirus: “Abbassato il prezzo delle mascherine chirurgiche in vendita nei negozi”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento