Nozze d’oro in quarantena, Franco e Livia festeggiano tra la Messa su Facebook e collegamenti whatsapp

La coppia aveva programmato una grande festa con parenti ed amici: “Il Coronavirus ha cambiato i piani ma ci rifaremo più avanti”

La chiesa è la stessa, quella di San Cristoforo. Franco e Livia erano lì per il loro matrimonio.
Stamattina, dopo 50 anni, sono di nuovo lì, almeno virtualmente. Perché se l’emergenza legata al Coronavirus ha rovinato i piani, nulla poteva impedir loro di ricordare questa giornata, seppur collegandosi tramite facebook alla diretta della Messa celebrata stamattina da don Franco Semenza che non ha mancato di ricordare le intenzioni di preghiera.

E non c'è solo l'anniversario di Livia e Franco da ricordare: quando la coppia si è sposata, infatti, i genitori di Livia festeggiavano i 25 anni di matrimonio, mentre i nonni i 50, proprio come loro oggi.

“Di certo sono nozze d’oro particolari - dice Franco Casali - e non poteva essere altrimenti. Era da tanto che stavamo progettando una festa, da condividere con la famiglia e con i nostri amici. Questo oggi non è stato possibile, ma speriamo di poterci rifare più avanti”.

Una vita insieme tra casa, lavoro e l’impegno in parrocchia, quella di Franco e Livia. “Ci siamo conosciuti che eravamo giovanissimi a Vacone, paesino della sabina dove entrambi andavamo in villeggiatura con la famiglia - continua Franco - Per cinque anni ci siamo visti poco, una volta ogni 15 giorni circa, perché io abitavo e Roma. Poi, nel ‘69, abbiamo preso insieme, a Terni, una scuola di steno-dattilografia. L’anno successivo mi sono trasferito. Per dieci anni ho continuato a lavorare come geometra, poi mi sono dedicato alla scuola anche io insieme a Livia. Insomma, all’inizio ci siamo visti poco, ma poi siamo stati sempre insieme”.

franco e livia past-2

Una bella prova d’amore che li ha portati a stare insieme ancora dopo mezzo secolo: “Abbiamo avuto degli alti e bassi ma è normale: stare sempre sempre insieme non è semplicissimo perché poi i problemi del lavoro vanno a casa e viceversa, ma se c’è l’amore…”. Dopo aver chiuso la scuola nel 2006, i due continuano a darsi da fare e ad essere molto attivi nella comunità: sono entrambi catechisti e si dedicano al volontariato nella parrocchia di San Salvatore.

Una grande famiglia, la loro: tre fratelli per Franco, due sorelle e un fratello per Livia. Due figli, Arnaldo e Daniele. Quest’ultimo oggi sarà in collegamento whatsapp perché bloccato a Roma. “Sarà una giornata strana – conclude Franco – ma siamo sicuri di sentire comunque l’affetto di chi ci vuole bene, in attesa di poterci riabbracciare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Inizia il week-end "arancione". Ecco cosa si potrà fare e cosa no

Torna su
TerniToday è in caricamento