Terni in lutto, è scomparso Francesco Valli: “Lu paciarellu de Boccaporcu”. Se ne va un pezzo di storia della città

Lo scorso 11 gennaio aveva compiuto 91 anni, se ne va un pezzo di storia della nostra città da sempre legato alla Nuova compagnia di teatro ‘Città di Terni’

Se ne va un pezzo di storia della nostra città. E’ scomparso all’età di 91 anni Francesco ‘Franceschino’ Valli. Un’icona della cultura popolare cittadina, protagonista indiscusso della commedia in vernacolo, del teatro e legato indissolubilmente al Cantamaggio.

Un connubio con la Nuova Compagnia di Teatro Città di Terni che ha consentito all’Italia intera di conoscere ed apprezzare il nostro dialetto. Ha interpretato con Fosco Marcucci commedie che sono entrate nell’immaginario culturale ternano, come quelle ormai celebri di Renato Brogelli che per 40 anni fu anche regista della compagnia. La più conosciuta e sicuramente apprezzata è “Lu paciarellu de Boccaporcu” con le sue mille repliche (proprio la numero mille al teatro Secci fu il suo addio alle scene nel 2016 ndr).

Inoltre per citarne altre “Focu de paja”,“Lu strolicu de Sant’Agnese” e “Lu fiju de Parlinfaccia”. Una figura di spessore culturale e umano ci lascia in questo momento così delicato, il quale ci ha impedito di celebrare una delle feste più sentite come il Cantamaggio, di cui è stato assoluto protagonista.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento