menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il parlamentare di Forza Italia, Raffaele Nevi

Il parlamentare di Forza Italia, Raffaele Nevi

Patto anti inquinamento, FI incalza il Governo su area ambientale complessa

Dopo la firma dell'accordo tra Regione e ministero dell'Ambiente il deputato azzurro Nevi torna alla carica: "Non basta uno stanziamento spot, serve un impegno strutturale"

"Non può bastare uno stanziamento a spot, serve un intervento strutturale e per questo il Governo dovrebbe impegnarsi sull'istituzione dell'area ambientale complessa". Dopo il patto anti inquinamento firmato ieri da Regione e ministero dell'Ambiente per la Conca ternana, il parlamentare di Forza Italia, Raffaele Nevi, torna alla carica con la sua proposta che, bocciata come emendamento alla legge finanziaria, ora sarà tramutata in un disegno di legge. Sul quale l'azzurro chiede a questo punto un atteggiamento diverso a partire dal M5S di cui il ministro dell'Ambiente, Costa, è espressione. 

"La firma del protocollo d’intesa per la qualità dell’aria a Terni - afferma Nevi - è un primo passo dopo anni di sollecitazioni da parte di Forza Italia a tutti i livelli, da ultima la proposta di riconoscere Terni come area ambientale complessa. Leggerò attentamente il testo dell’accordo ma sicuramente non può bastare uno stanziamento spot, unito a provvedimenti di blocco del traffico che rappresentano per noi una sconfitta nella lotta agli inquinanti. Bloccare il traffico e scaricare gli enormi disagi di tale provvedimento sui cittadini, peraltro i più poveri, significa alzare bandiera bianca e rinunciare a quell’opera di risanamento strutturale certamente più difficile e dispendioso, che abbiamo in mente noi".

"La nostra proposta - prosegue - tradotta in emendamento alla manovra e che, annuncio, stiamo depositando sotto la forma di organico disegno di legge alla Camera, con una previsione di spesa di 240 milioni di euro in tre anni, va esattamente in questa direzione. Per essere approvata necessita però di una forte volontà politica e una grande sensibilizzazione cittadina che cercheremo di portare avanti a partire dal mese di gennaio quando avvieremo degli incontri bilaterali con tutte le forze politiche, compreso il Movimento 5 Stelle. Per ora ben vengano anche le piccole cose ma certamente serve un impegno diverso del Governo, insieme alla Regione, agli enti locali, alle associazioni di categoria, alle multinazionali e alla Fondazione Carit. Nessuno può dimenticare che Terni, insieme a poche altre aree del Paese, produce prodotti fondamentali per l’Italia come, solo per fare due esempi, l’acciaio e l’energia elettrica. Tutto ciò ha bisogno di un riconoscimento legislativo e noi lavoreremo per ottenerlo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento