rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Attualità

Terni e la gara del Tpl: “Il frazionamento dell’appalto in quattro lotti penalizza il territorio”

Interrogazione del Pd: “Nessun accenno al personale Savit. Occorre sapere se la giunta condivide l’iter intrapreso dalla Regione Umbria”

Interrogazione del gruppo consiliare Pd (consiglieri Francesco Filipponi, Maria Grazie Proietti e Pierluigi Spinelli) e del gruppo Innovare per Terni (consigliere Jose Maria Kenny) a sindaco e giunta sulla questione riguardante la gara del trasporto pubblico locale. La problematica sollevata riguarda il frazionamento dell’appalto in quattro lotti. “Le esigue dimensioni territoriali e caratteristiche morfologiche del territorio - si legge nella premessa - non appaiono conformi ad un frazionamento dell’appalto del trasporto pubblico locale in 4 lotti. Vi è il serio rischio di creare discriminazioni tra territori, tra le aree più disagiate a causa dell’attuale congiuntura economica e della scarsa urbanizzazione. Tale contesto può favorire la partecipazione alla gara di operatori economici che, come dimostrano altre realtà regionali, non dispongono dell’organizzazione e della solidità necessaria per gestire servizi di tale complessità anche sotto il profilo occupazionale”. 

“Per quanto riguarda Terni - continuano i consiglieri - non si fa alcun accenno all’attuale personale Savit s.r.l. (Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Società con socio unico Busitalia Sita Nord s.r.l.) soggetta alla direzione e coordinamento di Trenitalia S.p.A., che si occupa della gestione del parco rotabile di gruppo ed è azienda di riferimento per la clientela per tutte le varie e specifiche esigenze di manutenzione sul prodotto autobus (ed altri veicoli commerciali), compresa la vendita di ricambi e componenti plurimarche”.

Da qui, l’interrogazione per “conoscere le intenzioni della giunta comunale in merito alle problematiche sollevate in premesse, sapere se condivide o meno l’iter intrapreso dalla Regione Umbria,     sapere se intende valutare la necessità di istituire un tavolo locale di concertazione che veda il coinvolgimento delle rappresentanze sindacali interessate, al fine di interloquire con la Regione sulla relazione di affidamento dei Servizi di Tpl urbano, extraurbano, di navigazione e mediante impianti fissi meccanizzati (Misura 2 – Delibera Art 154/2019) bacino del trasporto pubblico locale della Regione Umbria”.


 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni e la gara del Tpl: “Il frazionamento dell’appalto in quattro lotti penalizza il territorio”

TerniToday è in caricamento