Leolandia, Paparelli attacca: "I grillini si appropriano del lavoro di altri"

Il vicepresidente della Regione critica i commenti del M5S: "Becera propaganda, i finanziamenti dei contratti di sviluppo previsti dalla Finanziaria 2017"

Il vicepresidente della Regione, Fabio Paparelli

Il parco non è ancora stato realizzato ma la giostra delle polemiche è già funzionante. Il vicepresidente della Regione, Fabio Paparelli, attacca il M5S dopo le dichiarazioni dei rappresentanti narnesi del movimento che hanno rivendicato l'intervento nei confronti del ministro Di Maio per sollecitarlo a far ripartire l'iter di finanziamento del progetto.

"Il teorema riprodotto quotidianamente - scrive su Facebook Paparelli - è quello del 'governo amico'. Un esempio su tutti: Leolandia. Leolandia è un progetto di un gruppo di imprenditori privati che grazie allo strumento Area di crisi complessa voluto dalla Regione, dai Comuni e finanziato dal ministro Calenda e dalla Regione, hanno inteso cogliere a Narni questa opportunità attivando uno degli strumenti agevolativi previsti e cioè il contratto di sviluppo. Questa estate Invitalia aveva sospeso l’istruttoria del progetto cofinanziato con i fondi messi a disposizione dal Governo Gentiloni, perché i fondi stessi, già stanziati non erano stati messi a disposizione da parte del Governo ad Invitalia, gestore dello strumento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’unica iniziativa assunta formalmente ai fini dello sblocco - continua il vicepresidente - sono state due missive a mia firma rivolte al ministro ed ai parlamentari umbri. L’iniziativa ha avuto successo, l’iter è ripartito, la Regione ha fatto la delibera per partecipare al cofinanziamento. Fin qui tutto normale se non fosse che comunicati a raffica di rappresentanti locali del governo gialloverde escono come funghi per dire: è merito del mio amico ministro o del mio amico sottosegretario, ci ho parlato io, anzi noi ed abbiamo sbloccato. Ora a parte le considerazioni sull’etica e la trasparenza ed a parte che i finanziamenti dei contratti di sviluppo sono stati tutti sbloccati come doveroso è necessario, in quanto previsto dalla finanziaria 2017, lascio ai cittadini ogni commento su come il governo del pseudo cambiamento l’unica cosa che sappia fare sia appropriarsi del lavoro altrui per metà e becera propaganda".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento