Cardeto, piazza Cuoco si illumina di nuovo: via ai lavori

L’intervento sarà realizzato entro la prima metà di aprile: lampade a led sostituiranno le vecchie colonnine in cemento. L’assessore Melasecche: previsti incontri coi residenti

Nell’ambito del programma di riqualificazione e modernizzazione della illuminazione della città, è stato raggiunto un accordo tra il Comune e l’Asm per una nuova illuminazione dei giardini di piazza Cuoco. Lo comunica l’assessore ai lavori pubblici, Enrico Melasecche.

“Sono trascorsi vent’anni da quando l’amministrazione Ciaurro realizzò a piazza Cuoco, il cuore del quartiere di Cardeto, una illuminazione bassa da arredo. Purtroppo, dopo poco tempo i vandali hanno frantumato le lampade e quell’isola di verde è piombata da troppo tempo nel buio e nell’abbandono”.

“Ora, con una spesa minima l’Asm provvederà a rimuovere le vecchie colonnine in cemento e le sostituirà con sei paline moderne a led, le stesse che sono state utilizzate per i giardini Miselli in via Primo Maggio, tornati così ad essere molto frequentati”.

L’intervento sarà realizzato, salvo imprevisti, entro la prima metà del mese di aprile. “Ci sarà anche un incontro con i residenti per un confronto sugli interventi per il quartiere”.

“Quando prevale la buona amministrazione – conclude Enrico Melasecche - possono benissimo convivere eleganza, parsimonia nella spesa, bassi consumi e ritrovata sicurezza per gli abitanti del quartiere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento