menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Poggio di Otricoli (foto facebook)

Poggio di Otricoli (foto facebook)

Poggio di Otricoli, un nuovo dispensario farmaceutico per residenti e turisti

Lo annuncia il primo cittadino Antonio Liberati a seguito delle difficoltà logistiche riscontrate nel raggiungere le farmacie del territorio

Un accordo tra Usl 2 e giunta comunale per favorire residenti, durante il corso dell’anno, ed i turisti nel periodo estivo. Un dispensario farmaceutico sarà infatti aperto nella frazione di Poggio di Otricoli come spiegato dal sindaco Antonio Liberati “La decisione è spinta da varie ragioni, sia cittadine che turistiche. Gli abitanti della frazione, per raggiungere la farmacia del centro storico devono percorrere oltre nove chilometri, oltre sei per quella di Calvi dell’Umbria e addirittura dodici per quelle di Narni – sottolinea il primo cittadino - Molti abitanti, il 30 per cento, sono anziani o sopra i 65 anni e i trasporti pubblici spesso non si conciliano con le esigenze della cittadinanza"

“Nel territorio comunale si sono registrate negli anni scorsi, come da dati rilevati dal servizio turistico, circa dieci mila presenze turistiche, di cui buona parte nella frazione di Poggio, in grado di attirare diversi visitatori per le bellezze naturali e la presenza di numerose strutture ricettive. È inoltre in itinere la realizzazione di un albergo diffuso nel territorio della frazione che aumenterà la presenza turistica”.

Data l’esigenza della popolazione i medici di base, attualmente, svolgono servizio ambulatoriale nel territorio della frazione nei locali messi a disposizione dell’amministrazione. La distribuzione dei farmaci, svolta direttamente dall’Usl, avviene nel distretto di Narni Scalo ad una distanza di circa 16 chilometri. Il sindaco Liberati aggiunge “Ad oggi è attivo un servizio da parte di un volontario che provvede quotidianamente al ritiro delle ricette e alla consegna dei farmaci ma, specialmente nella stagione estiva, i turisti e in generale tutti i soggetti affetti da patologie croniche, che hanno frequentemente bisogno di medicinali, hanno difficoltà a recarsi nel capoluogo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento