rotate-mobile
Attualità

Terni, la polizia ricorda Roberto Antiochia

L’agente ternano, medaglia d'oro al valor civile, perse la vita nel 1985 nell'attentato a Palermo al vicequestore Antonino Cassarà e alla sua scorta

La polizia di Stato di Terni ha ricordato, come ogni anno nel giorno della sua nascita, Roberto Antiochia, l'agente medaglia d'oro al valor civile, nato a Terni e morto a Palermo nell'attentato di mafia al vicequestore Antonino Cassarà e alla sua scorta, il 6 agosto 1985.

La cerimonia di commemorazione ha avuto luogo, questa mattina, davanti alla sede della questura di Terni, nella via a lui intitolata, con la deposizione di un mazzo di fiori, da parte di Bruno Failla, questore di Terni, e di Maurizio Lucchi, presidente dell’Associazione nazionale polizia di Stato. 

Il questore Failla, accompagnato dal vicequestore vicario Luca Sarcoli e dal capo di Gabinetto Roberto Paterni, ha salutato, insieme alla dirigente della sezione polizia stradale di Terni, i rappresentanti della ‘Libera-Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie’, che si sono uniti alla polizia nel ricordo dell’estremo sacrificio del giovane poliziotto ternano.

Nella rotonda intitolata ai caduti e ai defunti della polizia di Stato, davanti al ‘Monumento alla Coscienza’, Failla ha ribadito il valore della memoria, l’importanza di ricordare coloro, che come Roberto Antiochia, hanno dato la vita per la difesa della legalità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, la polizia ricorda Roberto Antiochia

TerniToday è in caricamento