San Lucio, si ricomincia: parte da qui un nuovo “piano casa”

Accordo fra Comune e Ater per la riqualificazione del quartiere: 24 appartamenti e un “cuore” verde. Ecco il progetto e i tempi

L'area di San Lucio

Nuove case di edilizia residenziale pubblica a disposizione a Terni. Parte la riqualificazione del quartiere San Lucio, a pochi passi dalla basilica di San Valentino. Grazie a un accordo con l’Ater, il Comune di Terni ora è in grado di far ripartire il cantiere fermo dalla precedente amministrazione.

I lavori daranno un volto completamente nuovo a una delle zone più degradate della città. “L’atto approvato dalla giunta di palazzo Spada – spiega l’assessore alle Politiche sociali, Marco Cecconi – apre di fatto una nuova fase nel percorso di riqualificazione del complesso San Lucio, iniziata con il Contratto di Quartiere 2 nel 2007 attraverso l’appalto per il recupero di tre delle palazzine più degradate. Sono soddisfatto di poter dire che, finalmente, si apre un nuovo piccolo ‘piano casa’ per la città”.

I lavori hanno portato all’apertura nel 2017 dei centri diurni ai piani terra di due dei tre immobili ed al completamento degli appartamenti delle stesse palazzine, il cui collaudo sarà a breve ultimato, oltre alla realizzazione di una parte dei lavori relativi al terza palazzina. “L’occasione per procedere in tal senso – precisa l’assessore - è stata propiziata dall’interesse di Ater ad investire su San Lucio, contando su risorse regionali e sulle economie derivanti dal Contratto di Quartiere 2”.

L’accordo, che sarà sottoscritto nei prossimi giorni, disciplina la prima fase del percorso, che dovrà concludersi con l’autorizzazione del Ministero e della Regione. L’idea guida si muove su due fronti: da una parte il completamento dell’appalto originario al fine di consentire al più presto la piena funzionalità delle tre palazzine e in particolare la consegna dei 24 appartamenti e l’attivazione dei servizi al piano terra della terza palazzina; dall’altra la demolizione della quarta e quinta palazzina al fine di realizzare, anche ricorrendo ad un concorso di progettazione/idee ed interessando l’area verde prospiciente il Fosso di Stroncone, il nuovo “cuore” del quartiere, comprendente una piazza, servizi e residenze. L’idea guida prevede, inoltre, una serie di altri interventi finalizzati al miglioramento della mobilità e della ciclo pedonalità, al fine di favorire il superamento dell’isolamento di San Lucio e la proposizione di un suo nuovo ruolo nel contesto urbano, come originariamente previsto dal Contratto di Quartiere 2. L’intera operazione dovrebbe essere completata entro il primo semestre 2022.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Coronavirus, scuole chiuse a Terni. La rabbia dei genitori: “Impossibile gestire la vita di una famiglia. Avvertiti troppo tardi”

  • Covid, le previsioni che spaventano: tra novembre e dicembre possibili più casi che nella fase 1

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento