rotate-mobile
Attualità

Diritto alla casa, in tanti alla raccolta fondi: adesso comincia la battaglia legale

L’iniziativa in un ristorante di Terni a sostegno di due famiglie escluse dal bando per l’emergenza abitativa

“Grazie a tutti, è stato un successo”. Questo il commento di Federico dopo la serata organizzata al ristorante pizzeria Materia prima di Terni: obiettivo dell’iniziativa era raccogliere fondi per sostenere la battaglia legale di due famiglie ternane escluse dal bando per l’emergenza abitativa.

“Non ce ne vogliano le altre famiglie che sono finite in graduatoria – dice il ternano, disabile e padre di tre figli, di cui uno anche lui disabile – ma dobbiamo lottare contro questa ingiustizia”.

raccolta fondi emergenza casa

Attraverso un legale, è stato già presentato un ricorso in autotutela: se entro i prossimi giorni da Palazzo Spada non arriverà alcuna comunicazione (Federico era stato contattato a inizio dicembre dagli amministratori del Comune di terni, dopo l’esclusione dalla graduatoria, ricevendo rassicurazioni sul fatto che la sua posizione sarebbe stata sbloccata, ma così non è stato) partirà il ricorso al tribunale amministrativo regionale da parte di entrambe le famiglie - oltre a Federico, fuori dal bando è rimasta anche Francesca, madre di due figlie di cui una disabile – e questo potrebbe avere conseguenze dirette su chi invece è stato ammesso alla graduatoria.

“C’è stata una buona partecipazione da parte di tanti cittadini, associazioni, partiti politici. In particolare - sottolinea Federico - vorrei ringraziare Potere al popolo, Rifondazione comunista, Bella ciao, Usb, Vas Terni, l’assessore regionale Enrico Melasecche e l'ex giocatore della Ternana Fabrizio Fabris. Grazie anche all’associazione Sant’Egidio per il contributo per l’affitto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diritto alla casa, in tanti alla raccolta fondi: adesso comincia la battaglia legale

TerniToday è in caricamento