"Discarica, nessuna contaminazione dalle attività di Ast"

L'assessore regionale all'Ambiente, Cecchini, ha risposto al M5S: "Non esistono elementi per bloccare i conferimenti". Liberati: "Nessun approfondimento dalla Regione"

Si è parlato di Ast in consiglio regionale

Nessuno stop ai conferimenti nella discarica di Valle, la contaminazione non dipende dalle attività di Ast. E' quanto sostenuto dall'assessore regionale all'Ambiente, Fernanda Cecchini, replicando all'interrogazione del M5S nel corso del question time. 

A portare la questione nell'aula di palazzo Cesaroni il capogruppo dei grillini, Andrea Liberati. "In Umbria - ha detto - esiste un
sito che, da circa un secolo, accoglie alcune decine di milioni di tonnellate di rifiuti industriali. Si tratta della discarica prima di vocabolo Pentima e poi di vocabolo Valle, in gestione dagli anni '90 alla società Thyssen. Si tratta di volumi che non hanno pari nel Centro Italia e che vengono disposti in un'area collocata a un passo dalla Cascata delle Marmore. Nonostante tale discarica insista in un sito nazionale da bonificare, la Regione prosegue nell'autorizzare lo sversamento sui residui catini. E questo a dispetto della
verificata presenza di cromo esavalente sia negli acquiferi della discarica che in aree del contiguo polo siderurgico. Ci chiediamo come mai la Regione prosegua nel consentire l'abbancamento di enormi quantità di rifiuti industriali in una discarica che, peraltro, non è nemmeno totalmenteimpermeabilizzata".

“Il polo di Terni ha una autorizzazione del 2001 a cui sono seguiti circa 50 provvedimenti di aggiornament - ha risposto la Cecchini - molti rilasciati dalla Provincia e poi dalla Regione. Nell’Aia del 2010 è compresa anche la discarica di Vocabolo Valle. La sua capacità residua, che non è mai stata ampliata, garantirà ancora per molti anni il conferimento di scorie già sottoposte al processo di recupero di residui ferrosi. Circa 300mila tonnellate l’anno finiscono in discarica, che diminuiranno con le procedure di riciclo. Dalla sua realizzazione ad oggi non si sono registrate contaminazioni, essendoci un sistema di impermeabilizzazione. Nei pressi ci sono altri vecchie discariche, che rientrano nei siti nazionali da bonificare, che hanno invece portato a contaminazioni legate al cromo. L’attività produttiva di Ast e il conferimento delle scorie non è stata mai collegata alla contaminazione registrata. L’Autorizzazione integrata ambientale ha comunque forza inferiore alle decisioni del ministero, che potrebbe quindi interrompere i conferimenti. Al momento non ci sono elementi per prevedere l’interruzione dei conferimenti. Risulta invece urgente la conclusione delle operazioni di bonifica e ripristino delle vecchie discariche che hanno causato la contaminazione”.

Insoddisfatto della risposta Liberati. "Non ci sono approfondimenti effettuati dalla Regione sulla contaminazione prodotta
dalla discarica
. Esistono solo i dati forniti dall’Ast e dalla multinazionale, che non investe nulla in questo campo. Le tonnellate
conferite non sono 300mila ma oltre 400mila. Bisognerà anche capire dove vano a finire i soldi per quei conferimenti. Al momento le contaminazioni ci sono e interessano le acque sotterranee”.


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Coronavirus, scuole chiuse a Terni. La rabbia dei genitori: “Impossibile gestire la vita di una famiglia. Avvertiti troppo tardi”

  • Covid, le previsioni che spaventano: tra novembre e dicembre possibili più casi che nella fase 1

  • Primario del Santa Maria di Terni positivo al covid-19. Tamponi a tappeto

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento