menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, si cambia: adesso la Tari si pagherà nella bolletta elettrica

Emendamento della Lega alla legge di bilancio per contrastare l’evasione e favorire i Comuni in dissesto. Ecco quanto si pagherà ogni anno

Sei rate annuali inserite nella bolletta elettrica. Questa la proposta contenuta in uno degli oltre tremila emendamenti alla legge di bilancio presentati dalla Lega in commissione bilancio al Senato.

Il provvedimento prevede che la tariffa sui rifiuti venga inserita nella bolletta elettrica e spalmata in sei rate annuali. Questo sarà possibile però soltanto per i comuni in stato di dissesto finanziario che abbiano già presentato un piano di rientro (come Terni) o per quelli in predissesto. Le amministrazioni in questione – se passerà la proposta leghista – avranno la facoltà di chiedere alle aziende elettriche di introdurre – oltre al canone Rai – anche gli importi dovuti per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.

L’obiettivo è contenere al massimo il fenomeno dell’evasione fiscale e dunque avere la certezza di incassare quanto dovuto.

In termini concreti, questo si tradurrebbe in rate che, mediamente avrebbero un importo di 20 euro al mese visto che l’importo della Tari a Terni (per una famiglia di 4 persone in un appartamento da cento metri quadrati) si aggira intorno ai 250 euro l’anno ed è uno tra i più bassi d’Italia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento