L'affare dei servizi socio sanitari, il M5S apre alla proposta della Giunta

Il Comune vuole riprendere in gestione diretta alcune attività, i grillini guardano con interesse: "Iniziativa lodevole nell'intento". Chiesta un'audizione del dg dell'Asl2 Fiaschini e dell'assessore regionale Barberini

Il capogruppo del M5S, Luca Simonetti

Servizi socio sanitari a Terni, i 5 stelle "aprono" alla Giunta sulla proposta di riprendere in gestione una parte delle attività finora delegata alla Asl. "Un'iniziativa nell'intento lodevole", afferma il capogruppo del M5S a palazzo Spada, Luca Simonetti, che in attesa di conoscere i dettagli del lavoro che sta predisponendo l'assessore al Welfare, Marco Cecconi, è pronto a garantire "un’opposizione responsabile e propositiva".

"Per dare una giusta dimensione a questa proposta - dice - va ribadito che parliamo di servizi che toccano da vicino la qualità della vita delle persone nonostante vengano garantiti con la cifra di 300mila euro annue. Una cifra importante per un comune in dissesto come il nostro, ma irrisoria rispetto alle esigenze dei portatori dei diritti e rispetto alla vera sfida che si sta imbastendo fra Asl2 e Regione dell’Umbria, mi riferisco al prossimo bando per i servizi socio-sanitari, un bando da quasi 100milioni di euro su cui il Comune e assessorato alle Politiche Sociali sono tenuti a dire la loro in trasparenza rendendo note queste interlocuzioni qualora ci siano state".

Per questo il movimento chiederà un'audizione in seconda commissione del direttore generale della Asl2, Imolo Fiaschini, e dell'assessore regionale alla Sanità, Luca Barberini. "Evitiamo il rischio di parlare di libertà di scelta - prosegue Simonetti - di progetti individuali, di qualità dei servizi solo in maniera marginale dopo che la partita si è chiusa, perché di fatto i servizi dei prossimi anni vengono pianificati in queste ore. Altrimenti l’effetto  diventa quello di distrarre le masse con il dito mentre tramonta la luna. Ricordo, come abbiamo detto in passato alle maggioranze di centrosinistra, che non è assolutamente realistica l’immagine di un Comune costretto ad assistere in modo passivo al dibattito sui servizi socio-sanitari e relativi bandi, in quanto l’amministrazione comunale ha la regìa su determinati percorsi. È fondamentale quindi che le scelte ed i progetti nascano dalla definizione chiara e condivisa di quali siano i diritti da garantire, a partire da quello alla salute, dalla conoscenza degli obiettivi di vita a cui la persona dà valore e, coerentemente con questi, dalla definizione dei supporti da offrire.
Tutto ciò garantirebbe l’appropriatezza degli interventi e un efficace impiego delle risorse".

"Malgrado da anni si assista ad una sempre più pesante riduzione delle risorse e conseguentemente delle prestazioni - continua il capogruppo grillino - il criterio con cui vengono attivate non è certamente il più appropriato ed equo visto che ancora oggi risulta difficoltoso capire quante persone hanno necessità, cosa chiedono, cosa invece ricevono e se ciò che ricevono migliora realmente la qualità della loro vita. Dobbiamo inoltre evitare che ci sia chi in termini di servizi a parità di necessità riceva “molto” e chi nulla, cosa avvenuta puntualmente in passato nel silenzio generale di tutti. Evito in questo momento di aprire la parentesi dei problemi enormi delle persone con disabilità e con disagio mentale, legati alla mancanza cronicizzata  di servizi specifici e la carenza di figure tecnico-professionali all’interno dell’Usl2 una situazione completamente sparametrata al ribasso rispetto ad altre città umbre. Ribadisco che la sfida è ardua ed il M5S è disponibile a fare la sua parte in modo costruttivo". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma, malgrado la "distanza" politica il M5S è sempre più vicino alla maggioranza di centrodestra e l'apertura sui servizi socio sanitari arriva dopo l'asse comune sulla questione delle farmacie. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Coop contribuisce a combattere il Coronavirus: “Abbassato il prezzo delle mascherine chirurgiche in vendita nei negozi”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento