rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Attualità

Ztl ed eccesso di velocità: a Terni sette multe ogni ora. Ma paga solo uno su due

Quasi settantamila sanzioni al codice della strada in un anno, gli incassi dovevano sfiorare 6,7 milioni e nelle casse di Palazzo Spada sono finiti poco meno di 3,4 milioni e dal 2019 a oggi mancano all’appello oltre 10,5 milioni

Sette multe ogni ora. Anzi, quasi otto. Poco meno di 190 ogni giorno e quasi 70mila in un anno. Perché? Soprattutto per circolazione abusiva nella zona a traffico limitato e nelle aree pedonali di Terni. Poi per eccesso di velocità rilevato dai tre autovelox fissi presenti in città e ancora per divieto di sosta. Per un totale prossimo a 6,7 milioni di euro che, nel 2022, dovevano finire nelle casse di Palazzo Spada. Ma solo uno su due poi, all’atto pratico, paga le multe.

I dati emergono scorrendo il report sul consuntivo di gestione 2022 del Comune di Terni che, al capitolo “violazioni al codice della strada” rileva come “dopo il significativo aumento degli accertamenti di violazioni amministrative osservato nel 2021, dovuto alle aperture post lockdown che hanno comportato un aumento dei veicoli in circolazione e, conseguentemente, un progressivo e costante aumento dei controlli da parte degli operatori, affiancato dai rilevamenti effettuati con strumentazione elettronica, nel 2022 le infrazioni rilevate, pari a 68.924, hanno registrato una riduzione intorno al 24%”.

In particolare – come anticipato - rispetto al volume generale di violazioni al codice della strada, il numero più consistente riguarda la circolazione abusiva in ztl e aree pedonali (26.362) seguito dall’eccesso di velocità rilevato dai tre autovelox fissi (23.957) e dal divieto di sosta (16.220). I passaggi col rosso al semaforo rilevato dai photorev sono stati 836, 41 le sanzioni per guida in stato di ebbrezza, 18 quelle per guida senza patente, 5 quelle per guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Per arrivare al totale occorre aggiungere altre 1.485 violazioni per “altre violazioni al Cds”.

Nel 2022 le sanzioni applicate alle violazioni al codice della strada ammontano complessivamente a 6.627.169,34 euro, segnando un incremento del 14,12% rispetto al 2021. Oltre il 31% delle sanzioni elevate è riferito alle violazioni per eccesso di velocità rilevate con strumentazione elettronica, contro il 42% registrato nel 2021. Nel dettaglio, gli accertamenti rispetto alle famiglie sfiorano i cinque milioni di euro mentre gli accertamenti nei confronti delle imprese ammontano a circa 1,6 milioni di euro.

Con riferimento agli importi incassati, il 2022 mostra incassi a competenza per l’importo complessivo di 2.495.102,88 euro, registrando una percentuale di incasso del 37,65%. Alla data del 31 dicembre 2023, il tasso di incasso sale al 51,52%. “Dall’analisi dei dati – spiega il report - si può osservare che il tasso di incasso a competenza ha mostrato andamenti altalenanti: 37,65 per cento per il 2022, 47,01% nel 2021, 28,61% nel 2020 e 19,28% nel 2019. Entro l’annualità successiva a quella di competenza della sanzione il tasso di incasso si attesta intorno al 50%, oscillando dal 45,18% al 55,12% (51,52% nel 2022)”.

Fatti due conti, Palazzo Spada deve ancora incassare circa 3,2 milioni di euro del 2022, 2,4 milioni del 2021, 2,1 milioni del 2020 e 2,7 milioni del 2019 per un totale di oltre 10,5 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ztl ed eccesso di velocità: a Terni sette multe ogni ora. Ma paga solo uno su due

TerniToday è in caricamento