rotate-mobile
Attualità

Tirreno-Adriatico a Terni, i media internazionali omaggiano la città: una vetrina per tutto il territorio

Il successo di Caleb Ewan e l’attacco di Pogacar e Alaphilippe infiammano la corsa dei Due Mari. I big del ciclismo si esaltano sulle strade del ternano

Un finale incandescente ha animato la terza tappa della Tirreno-Adriatico. Il traguardo volante di Amelia ha rappresentato un vero e proprio trampolino per Tadej Pogacar e Julian Alaphilippe che si sono ritrovati in fuga, insieme Marc Soler e Tao Geoghegan Hart. Un attacco inaspettato quanto gradito poiché ha reso ancora più avvincente il finale di Terni.

Al termine della frazione conquistata da Caleb Ewan i media internazionali, hanno dato enorme risalto a ciò che è accaduto sulle strade del ternano. Da Amelia fino a Narni prima della volata di corso del Popolo un vero e proprio tripudio per la provincia, rimbalzata al di fuori dei confini della penisola. Le immagini Rai hanno ulteriormente avvalorato e reso omaggio al territorio, divenuto centrale per uno degli sport più amanti in tanti paesi del mondo. La città ha ospitato il campione del mondo in carica (Julian Alaphilippe) e il vincitore degli ultimi due Tour de France (Tadej Pogacar) ossia gli attuali fuoriclasse delle due ruote. Senza dimenticare Caleb Ewan, uno degli sprinter di maggiore risonanza, capace di capitalizzare al meglio la sua propensione di districarsi su traguardi così insidiosi, come quello in lastricato.

E non è finita qui! Un ulteriore spot lo regalerà la partenza dalla cascata delle Marmore con i professionisti che sfileranno, al foglio firme, proprio sotto il sito naturalistico per eccellenza. L’attacco di Pogacar e Alaphilippe ha pertanto ulteriormente rafforzato la scelta di investire sulla Tirreno-Adriatico con la speranza, presto, di rivedere il Giro d’Italia che tanto manca alla città.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tirreno-Adriatico a Terni, i media internazionali omaggiano la città: una vetrina per tutto il territorio

TerniToday è in caricamento