rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Attualità

Sport ed aggregazione, il ‘Torneo del mondo’ organizzato dall’Ipsia: “Il calcio insegna a far parte di una squadra”

Il torneo si è disputato nel corso della mattinata di oggi, giovedì 7 giugno, presso il campo in sintetico di via del Raggio Vecchio

Una mattinata all’insegna dello sport, dell’aggregazione e dell’inclusione. Il campo in sintetico di via del Raggio Vecchio ha ospitato il Torneo del mondo, iniziativa curata dall’Ipsia Sandro Pertini. Tale manifestazione ha coinvolto circa 60 ragazzi della scuola, di cui moltissimi minori non accompagnati o giovani con background migratorio che normalmente non hanno accesso ad attività sportive organizzate. Si tratta di giovani che provengono da ogni parte del mondo, compresi i nuovi arrivati dall’Ucraina.

Tre le squadre partecipanti: una rappresentanza di studenti dell’Ipsia e due compagini del CPIA. Quest’ultime si sono sfidate nella finalissima, molto combattuta, terminata 4-2. L’iniziativa, fortemente voluta dal dirigente scolastico professor Fabrizio Canolla, ha messo letteralmente in campo le eccellenze dell’istituto. Nello specifico il professor Matteo Bottegoni, assistente in Serie A ed il professor Lucianetti da sempre impegnato nella formazione delle squadre giovanili. La scuola è stata impegnata nell’organizzazione di tutte le fasi preparatorie del torneo, dalla preparazione atletica, all’acquisto delle divise, ai certificati medici ma è stata anche sempre supportata dalla rete delle Onlus del territorio che seguono i ragazzi minori al di fuori del tempo scuola.

WhatsApp Image 2022-07-07 at 16.10.55-2

Al termine del triangolare il dirigente Fabrizio Canolla ha dichiarato: “La filosofia che ci ha guidato è che il calcio insegna a far parte di una squadra, quindi ad interagire con gli altri e a lavorare insieme per raggiungere obiettivi comuni. I ragazzi apprendono ad ascoltare i compagni di squadra quando prendono decisioni sul gioco o sulla strategia: un’abilità che servirà in futuro quando si lavorerà con i colleghi al lavoro o a scuola. Sul “campo” i giovani imparano comportamenti sociali basati sul rispetto delle regole e strategie – ha concluso - per la soluzione conflitti con gli strumenti della mediazione e il controllo delle emozioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sport ed aggregazione, il ‘Torneo del mondo’ organizzato dall’Ipsia: “Il calcio insegna a far parte di una squadra”

TerniToday è in caricamento