Traffico, non c’è solo la ztl: ecco i piani del Comune di Terni

Palazzo Spada punta al riassetto della zona a traffico limitato per un centro storico “attrattivo e sicuro”. In programma sei strade da rifare. E rispuntano le metropolitane di superficie

L’argomento del giorno è la “nuova” ztl. Il 29 agosto Palazzo Spada ha chiamato a raccolta tutti i “soggetti interessati” per avviare un percorso di riflessione che dovrebbe portare ad una serie di modifiche della zona a traffico limitato. Ma è in generale il tema della mobilità quello sul quale l’amministrazione Latini ha intenzione di mettere mano. Ecco come.

Riorganizzare la ztl

I punti cardinali della “rivoluzione” che toccherà la città dell’acciaio nei prossimi mesi sono indicati nel Dup, il documento unico di programmazione elaborato dalla giunta e che ora passerà al vaglio del consiglio comunale. Al punto relativo alla zona a traffico limitato, l’esecutivo sottolinea la necessità di uno studio “per il riassetto della ztl e delle aree pedonali in modo da favorire la frequentazione del centro a vantaggio della sicurezza cittadina, non andando nel contempo a gravare sulla qualità ambientale e dell’aria già compromessa da diversi fattori tra cui il traffico veicolare”. L’intenzione è quella di “garantire un tessuto economico e sociale vivo nel centro storico in grado di aumentare la sicurezza”. Più attrattività del centro storico e maggiore sicurezza, dunque, anche se la strada per arrivare a destinazione non è ancora chiarissima. La riapertura indiscriminata della ztl non sembra percorribile. Possibile invece immaginare delle fasce orarie senza vincoli (a Perugia, ad esempio, dalle 13 in poi tutti possono entrare nel centro storico), intervenendo poi sul fattore parcheggi. Immaginando tariffe agevolate e incrementando la disponibilità di posti auto a ridosso del centro storico.

Strade sicure

Nonostante “la criticità economica dell’ente – dice il Dup - si procederà eseguendo interventi in alcune strade urbane che, per mole di traffico e per le vetustà delle pavimentazioni stradali, presentano condizioni tali da rendere necessario e prioritario un intervento di rifacimento pressoché totale”. Le arterie individuate sono via I° maggio, via XX Settembre, via Lungonera Savoia, via Di Vittorio, via Bramante, via Orione (piazza Gabelletta) e vicolo San Salvatore. “Si interverrà anche su numerose strade con interventi di rifacimento parziale della pavimentazione, previa asportazione delle parti ammalorate e riporto di conglomerato bituminoso posato con vibrofinitrice. Si interverrà anche su tratti consistenti di marciapiedi, con l’abbattimento di barriere architettoniche e il miglioramento degli spazi a servizio delle alberature lungo le strade comunali.  Anche le strade pavimentate con lastre o basole in pietra saranno oggetto di un consistente intervento di manutenzione”. Per le nuove pavimentazioni potranno essere utilizzati dei materiali particolari in grado di “contribuire ad abbattere l’inquinamento atmosferico rappresentato dalle polveri sottili”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuovo piano della mobilità

Obiettivo della giunta è anche quello di sviluppare un “nuovo piano della mobilità incentrato sull’ampliamento e la messa in rete delle piste ciclabili e sullo studio di fattibilità e sostenibilità della metropolitana di superficie, oltre che lungo la ex ferrovia centrale umbra, anche lungo le direttrici della Roma-Ancona e della Terni-Sulmona”, elaborando un piano che “valorizzi l’uso di mezzi di trasporto alternativi ai veicoli a motore” per ridurre dunque “significativamente il traffico veicolare, fonte di inquinamento atmosferico”. Questa serie di interventi dovrebbero “aumentare la percentuale di popolazione che faccia uso di mezzi di trasporto pubblici o che usi la bicicletta per gli spostamenti urbani” ma anche portare ad una “estensione di una rete di metropolitana di superficie che serva anche altre parti del territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento