menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Treofan, ancora nessuna convocazione dal Mise. I sindacati vanno all'attacco

Ancora nessuna convocazione al Mise per il lodo Treofan. I sindacati vanno in pressing affinché il governo si pronunci e faccia rispettare l'accordo siglato il 10 agosto.

Ancora appesi a un filo gli esiti della vertenza Treofan. Nesuna convocazione del tavolo di concertazione da parte del ministero dello sviluppo economico che fa andare su di giri le segreterie nazionali di Femca Cisl, Filctem Cgil e Uiltec Uil. La denuncia delle sigle sindacali è stata inviata attraverso una lettera indirizzata alla sottosegretaria del Mise, Alessandra Todde. 

L'azienda, secondo i sindacati, non ha ancora messo mano operativamente alle linee concordate il 10 agosto scorso. Fra tutte, la mancata vendita degli scarti allocati nell'area ad alta pericolosità in termini di salute e sicurezza per l'intero complesso del polo chimico della Polymer e per tutti i cittadini che risiedono nelle zone circostanti. 

Entro il 15 settembre, denunciano poi i sindacati, sarebbero duvuti arrivare dallo stabilimento di Battipaglia alcuni componenti tecnici per i fluff silos. Infine, secondo l'accordo sottoscritto dalle parti, l'azienda avrebbe dovuto implementare un carico di ordinativi destinati alla produzione del polo di Terni in rapporto ai prodotti finiti usciti dallo stabilimento. Tutti step ancora disattesi sui quali i sindacati chiedono un intervento celere del governo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento