rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità

L'INDAGINE Prevenzione e cura del tumore al seno: Umbria virtuosa, ma ci sono delle criticità da affrontare: ecco quali

Un progetto di Europa Donna Italia per rafforzare le Breast Unit in Italia. Le raccomandazioni di specialisti e associazioni per ottimizzare i percorsi

Migliorare diagnosi, cura e assistenza delle donne che affrontano un tumore del seno in Umbria a partire dall’analisi dei punti di criticità: sono questi gli obiettivi emersi da un’indagine che ha coinvolto i coordinatori delle quattro Breast Unit umbre e le associazioni che collaborano con i centri. Il tutto è emerso dal lavoro, organizzato da Europa Donna Italia, che si è svolto ieri e che ha coinvolto medici, associazioni e Istituzioni regionali.  L’incontro umbro si inserisce nel progetto: “Breast Unit - La squadra che vince”, realizzato da Europa Donna Italia in collaborazione con Senonetwork, con il patrocinio di AIOM, con il supporto non condizionato di Roche e con la consulenza metodologica dell’Alta Scuola di Economia e Management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica, per valorizzare l’approccio multidisciplinare e garantire omogeneità di qualità nella diagnosi e nella cura del tumore al seno in tutte le Regioni.

I risultati dell’indagine, presentata dai ricercatori ALTEMS, hanno evidenziato una buona qualità dell’organizzazione delle Breast Unit umbre, che presentano caratteristiche in linea con gli standard previsti dalle linee guida nazionali e dove l’approccio multidisciplinare e il lavoro di squadra sono consolidati. I principali punti di criticità, che riguardano due centri su quattro, sono l’assenza del Data Manager – necessario per la raccolta, e l’analisi dei dati relativi ai casi trattati – e la mancanza della rilevazione della qualità percepita dalle pazienti, “un aspetto imprescindibile per migliorare la modalità di erogazione del servizio, l’informazione e la comunicazione alle donne - ha sottolineato Rosanna D’Antona, presidente di Europa Donna Italia-. Centrale anche rafforzare il coinvolgimento delle associazioni, perché sono la vera cinghia di congiunzione tra le pazienti, i professionisti e la struttura.”

Un problema urgente, risultato dall’indagine, è dato dalla mancanza di un PDTA regionale e di una commissione di coordinamento e monitoraggio della rete senologica, che possa anche assicurare il collegamento tra centri screening e Breast Unit, ad oggi ancora inesistente. “Per curare bene occorre un controllo di qualità - ha osservato Luigi Cataliotti, Presidente di Senonetwork-, per questo è essenziale che la Regione metta a disposizione di tutti i centri un database per la raccolta dei dati.”

“Il nuovo piano sanitario di prossima approvazione avrà proprio l’obbiettivo di rafforzare le reti - ha assicurato Massimo Braganti, Direttore Regionale Salute e Welfare -. In senologia l’attivazione della rete costituisce un elemento determinante anche per evitare l’esodo delle pazienti nelle altre Regioni e quindi stiamo lavorando in questa direzione, per permettere la condivisione dei dati tramite un database regionale, assicurare l’integrazione tra screening e Breast Unit e migliorare la comunicazione alle donne.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'INDAGINE Prevenzione e cura del tumore al seno: Umbria virtuosa, ma ci sono delle criticità da affrontare: ecco quali

TerniToday è in caricamento