rotate-mobile
Attualità Centro

Dipendenti comunali, la Uil: "Lavoratori inascoltati e sotto stress, 11 casi segnalati alla Usl"

Audizione in terza commissione del segretario provinciale della Funzione pubblica: "A Palazzo Spada manca funzionalità dei servizi e credibilità"

"A Palazzo Spada mancano funzionalità dei servizi e credibilità. Il personale è sotto stress per carenza di ricambi e perché inascoltato: 11 situazioni di dipendenti, proprio a causa del disagio sul posto di lavoro, sono finite all'attenzione degli uffici competenti della Usl". E' la situazione descritta da Gino Venturi, segretario provinciale della Uil Funzione pubblica di Terni, ascoltato giovedì pomeriggio nell'ambito della Terza commissione consiliare, presieduta dal consigliere Federico Brizi. 
Presenti insieme a Venturi anche Simonetta Banconi in rappresentanza delle Rsu e Sergio Silveri, coordinatore Rsu. "Vorrei porre l'attenzione su due aspetti - ha spiegato Venturi in apertura del suo intervento - e cioè sulla funzionalità dei servizi e sulla credibilità dell'azione amministrativa. Due punti carenti secondo la nostra visione. Sullla funzionalità, c'è uno scadimento generale dovuto a fattori diversi, tra cui sicuramente la diminuzione di personale. Inoltre, i lavoratori lamentano il loro mancato coinvolgimento: non vengono ascoltati e presi in considerazione nell'azione amministrativa. E questo aspetto, insieme ad altri, provoca anche delle conflittualità". 
"Per esempio - ha proseguito Venturi - registriamo che le richieste di trasferimento in Comune sono aumentate e anche che undici dipendenti si sono rivolti agli uffici della Usl che trattano questioni di mobbing, per le situazioni di disagio che vivono. Abbiamo ovviamente segnalato all'assessore al personale questa situazione (Giovanna Scarcia, ndr) senza ricevere risposta". 
Sul tavolo anche la questione dei concorsi pubblici. "Per quello degli agenti di polizia municipale - eravano previste 18 assunzioni, ma ne sono arrivate 11. Ci chiediamo come mai nessuno tra i politici abbia chiesto conto del fatto che quelle assunzioni in meno ora peseranno in maniera importante sia sull'organico, sia a livello occupazionale. Il concorso sarà rifatto? E allora ci saranno maggiori costi per le casse pubbliche. Per quanto riguarda la credibilità, porto un esempio: ultimamente nell'ambito della discussione del nuovo contratto, sottoscritto anche dal Comune, un assessore ha parlato apertamente di 'follia', quando quel contratto lo aveva firmato anche lo stesso Comune. Ci sembra un atteggiamento del tutto irrispettoso". 
Per il Comune erano presenti l'assessore al welfare Cristiano Ceccotti, alla scuola, Cinzia Fabrizi e al Personale, Giovanna Scarcia. Da tutti e tre è emersa la "disponibilità, oggi come è sempre stato, a discutere con questa e con tutte le altre sigle sindacali, per cercare di risolvere tutte le eventuali situazioni critiche segnalate". L'assessore Scarcia, vista anche la poca disponibilità di tempo data dall'inizio di un'altra commissione, ha chiesto la possibilità di convocare una nuova seduta per poter replicare nel merito.   
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipendenti comunali, la Uil: "Lavoratori inascoltati e sotto stress, 11 casi segnalati alla Usl"

TerniToday è in caricamento