rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Attualità

Umbria, impianti di grandi derivazioni: ai Comuni interessati 3,7 milioni di euro

Cifra raddoppiata rispetto all’anno scorso. Le somme maggiori a Terni, Orvieto e Narni

La giunta regionale dell’Umbria ha oggi deliberato il riparto e l’individuazione dei criteri e modalità per l’assegnazione delle risorse 2024 ai Comuni territorialmente interessati dagli impianti di grandi derivazioni. Si tratta, per l’anno in corso, di circa 3,7 milioni di euro rispetto ai precedenti 1,8 milioni.

Il raddoppio delle risorse è dovuto alla nuova legge, del 6 marzo 2023, proposta dall’attuale giunta e votata dall’assemblea legislativa. Le somme a disposizione dei Comuni dovranno essere spese per interventi che riguardano il decoro urbano (600 mila euro), la manutenzione ordinaria e viabilità (600 mila), la manutenzione straordinaria e adeguamento/costruzione di impianti sportivi (1 milione e 850 mila), la realizzazione di grandi eventi e manifestazioni storiche previste dalla legge 16 del 2009 (647 mila euro). La ripartizione, pro quota per numero di abitanti, riguarda i Comuni di: Alviano, Arrone, Baschi, Cerreto di Spoleto, Ferentillo, Narni, Norcia, Orvieto, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino, Terni, Vallo di Nera.

Tale complesso di risorse, come detto, sarà ripartito in base alla popolazione e porteranno somme a disposizione della casse comunali, per fare esempi dei Comuni più popolosi, di oltre 2,4 milioni di euro per Terni, 450 mila euro per Orvieto e circa 415 mila euro per Narni. Il tutto, come detto, a favore della realizzazione di interventi ed opere nei settori previsti dalla legge per i quali i Comuni sono tenuti a presentare entro il 31 maggio prossimo programmi e progetti alla Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, impianti di grandi derivazioni: ai Comuni interessati 3,7 milioni di euro

TerniToday è in caricamento