menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umbria Jazz Spring si farà a maggio, scatta la macchina organizzativa

Tempi troppo stretti ormai per il periodo pasquale, il patron di UJ Carlo Pagnotta a Terni incontra sindaco e Fondazione Carit. Ora si devono trovare gli artisti per il cartellone ternano per le date del 22, 23 e 24 maggio

Umbria Jazz Spring cambia data: niente più settimana pasquale ma il weekend del 22, 23 e 24 maggio. E’ venuto direttamente a Terni il fondatore di Umbria Jazz, Carlo Pagnotta, per capire bene situazione e intenzioni, con l’obiettivo di ‘salvare’ l’appuntamento primaverile e ternano della kermesse. Attorno allo stesso tavolo dunque, insieme a Pagnotta ieri mattina si sono ritrovati amministratori ed enti, dal sindaco Latini col vicesindaco e assessore alla Cultura Andrea Giuli alla Fondazione Carit con il presidente Luigi Carlini insieme a Nicola Astolfi del cda. Era ormai chiaro che i tempi per riuscire a organizzare l’evento nelle date del 9-13 aprile fossero troppo stretti sia per reclutare artisti che per fare promozione. Così sono spuntate fuori le nuove date che fanno slittare la manifestazione e forse ne riducono pure i giorni. Ma su questo si deve ancora discutere. Giuli ha parlato di una “proposta condivisa su cui stiamo lavorando. Il percorso non è facile, ma – ha precisato - alla fine ritengo che arriveremo al risultato migliore per Terni. Intanto il dialogo è stato avviato e ora aspettiamo di vedere gli esiti”. Al lavoro anche la Regione nella persona dell’assessore alla Cultura Paola Agabiti che sin da subito si è messa a disposizione per una soluzione ragionata. L’arrivo della nuova proposta fa dunque tirare un respiro di sollievo sul salvataggio di UJ Spring la cui perdita sarebbe stata senza dubbio un colpo basso per la città di Terni non solo a livello di immagine ma anche e soprattutto sul piano economico. Probabile che venga rivista pure la formula sebbene la connotazione di UJ Spring sia stata sin dall’inizio quella che ruota attorno alla Black Music. Le location resterebbero le stesse, ovvero il teatro Secci, la chiesa di San Francesco, i teatri del Cmm e l’area della cascata delle Marmore con il circuito dei club ma, essendo maggio un periodo più caldo dal punto di vista climatico, non è escluso che possa essere aggiunta anche qualche location all’aperto, vedi Carsulae o Piediluco. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento