Un pronto soccorso pediatrico anche per il "Santa Maria" di Terni. La proposta di Marco Squarta

Una mozione annunciata e protocollata dal presidente dell'assemblea legislativa, Marco Squarta, per aprire un'unità operativa di pronto soccorso pediatrico nelle due aziende ospedaliere dell'Umbria.

Un pronto soccorso pediatrico per le aziende ospedaliere di Terni e Perugia. È questa la proposta del presidente dell'assemblea legislativa dell'Umbria, Marco Squarta, che ha presentato una mozione alla giunta regionale per rendere operativa l'unità di intervento pediatrica. 

“L’Umbria - spiega Squarta - è rimasta l’unica regione d’Italia, insieme alla Basilicata, ad esserne ancora sprovvista. Mentre credo sia
indispensabile assicurare ai piccoli un'assistenza specialistica. Infatti neonati, lattanti, bambini e adolescenti necessitano di attenzioni differenti rispetto a quelle di un adulto. È dunque necessario che ad accogliere un paziente pediatrico in pronto soccorso ci sia personale formato in maniera specifica, disponibile 24 ore su 24, per garantire servizi a misura di bambino. La mia proposta punta a far ottenere accoglienza, spazi e adeguati servizi sanitari d'urgenza dedicati in maniera esclusiva ai bambini”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mozione

“La mozione – prosegue Squarta - impegna la giunta ad attivare servizi nelle strutture del "Santa Maria della Misericordia" di Perugia e del "Santa
Maria" di Terni. Un’indagine della società italiana di medicina di emergenza e urgenza pediatrica (Simeup) sostiene che per i piccoli pazienti ‘una garanzia in più è offerta dai pronto soccorso pediatrici h24’. In Italia ce ne sono 210: il 58 per cento nelle regioni del Nord, il 14 per cento al Centro e il 28 al Sud. Nell'individuazione della patologia del bambino o nell'assistenza in fase emergenziale l'approccio pediatrico è naturalmente diverso rispetto a quello riservato agli adulti e, spesso, lecondizioni nelle sale d'attesa del pronto soccorso non garantiscono elevatistandard di accoglienza per giovanissimi e bambini, soprattuttoquando sono molto piccoli”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • Coop contribuisce a combattere il Coronavirus: “Abbassato il prezzo delle mascherine chirurgiche in vendita nei negozi”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento