Una versione contemporanea dei “Pagliacci” di Leoncavallo scalda la prima dell’Ameria Festival 2020

Calorosa accoglienza per la prima dell’Ameria Festival 2020 con la storia di amori e tradimenti dell’opera tardo ottocentesca di Leoncavallo, con una scenografia che richiama alla contemporaneità. Le foto di Emanuele Grilli.

Foto: Emanuele Grilli

Un Teatro Sociale di Amelia rigorosamente sanificato e tirato a lucido per la prima dell’ ”Ameria Festival 2020”. Una sfida importante per la Società Teatrale e l’amministrazione comunale della città del Germanico che hanno deciso di non annullare l’evento culturale della città a causa dell’emergenza sanitaria ma di realizzarlo, con qualche sacrificio, in tutta sicurezza.

Uno sforzo che è emerso dalle parole di saluto del presidente della Società Teatrale, Riccardo Romagnoli, che ha tagliato il nastro di partenza ricordando l’importanza di fare cultura anche in momenti estremamente complessi come quelli attuali. Un richiamo raccolto poi dal sindaco di Amelia, Laura Pernazza, che ha avuto parole di ringraziamento per la tenacia con la quale il presidente Romagnoli è riuscito a portare alla ribalta l’ottava edizione del festival e per tutti i collaboratori e gli artisti che calcheranno le tavole della “piccola Fenice” di Amelia fino al 7 novembre.

Tutto esaurito per il bolero di Ravel e i "Pagliacci" di Leoncavallo

Tutto esaurito per la prima serata che ha visto in scena il bolero di Ravel coreografato da Gennaro Siciliano. Successivamente l’Orchestra Sinfonica di Europa Musica diretta dal maestro Stefano Seghedoni ha accompagnato l’opera dei “Pagliacci” di Ruggero Leoncavallo, con i cori diretti dal maestro Renzo Renzi.

${mediaPreview,gallery:13060}

Una pièce operistica tardo ottocentesca che racconta le vicende costellate di amori e tradimenti vissuti all’interno di una piccola compagnia teatrale. La rivisitazione scenografica installata sul proscenio del Teatro Sociale, riporta all’età contemporanea l’opera che risale, nella sua prima messa in scena, al 1892. Straordinario il cast composto da Francesca R. Tiddi (Nedda), Gianluca Zampieri (Canio), Paolo Drigo (Tonio), Nicolas Causero (Beppe) e Michele Soldo (Silvio).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le luci del Teatro Sociale di si riaccenderanno questa sera, 26 settembre, alle ore 20.30 per lo spettacolo solistico del maestro Arturo Tallini, chitarrista pluripremiato a livello nazionale e internazionale, che esplorerà con la sua “sei corde” l’universo musicale classico, moderno e contemporaneo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento