rotate-mobile
Attualità

Narni, il progetto ‘Gamification Camp’: “Sana aggregazione attraverso i videogiochi”

“Il progetto – spiega l’Assessore Tiberti - rappresenta la prima esperienza di questo tipo in Umbria e vuole sviluppare un percorso di 'media education”

Utilizzare i videogiochi come veicolo educativo, affrontare tematiche sensibili e offrire un’opportunità formativa innovativa agli adolescenti del territorio. Sono questi alcuni degli obiettivi del "Gamification Camp", il primo campus estivo in Umbria che mira a fare sana aggregazione attraverso i videogiochi. L'assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Narni, Silvia Tiberti, non nasconde la propria soddisfazione nel presentare questa occasione educativa "unica e innovativa", rivolta agli studenti delle scuole secondarie di Primo Grado della Zona sociale 11. "Il progetto – spiega l’Assessore Tiberti - rappresenta la prima esperienza di questo tipo in Umbria e vuole sviluppare un percorso di 'media education' che migliora l'informazione e la comprensione critica degli adolescenti riguardo ai nuovi mezzi di comunicazione. L’idea, portata avanti dall’Ufficio Politiche giovanili del Comune di Narni – continua la Tiberti – è di utilizzare il metodo didattico innovativo del gaming per creare approccio ludico alla didattica propria del 'serious games'".

Il Gamification Camp si terrà in due sessioni: la prima dal 1° al 5 luglio e la seconda dal 2 al 6 settembre. Gli incontri avranno luogo presso la scuola media "Luigi Valli" di Narni Scalo, dalle 9:00 alle 16:00, inclusa una pausa dalle 13:00 alle 14:00, durante la quale sarà fornito un pranzo gratuito. L'iniziativa è completamente gratuita e prevede un numero limitato di posti, con un massimo di 25 partecipanti (5 per ogni scuola). "Durante il 'camp' - sottolinea l'assessore Tiberti -, i ragazzi avranno l'opportunità di partecipare a workshop interattivi, dove impareranno a utilizzare la 'gamification' per migliorare le proprie capacità di 'problem solving' e collaborazione. Saranno coinvolti in sfide di squadra, lavorando insieme per creare videogiochi che affrontano tematiche sociali importanti. Inoltre, essi avranno l'occasione di incontrare esperti del settore 'gaming' e dell'educazione, che condivideranno le loro esperienze e conoscenze.

Il risultato finale sarà la realizzazione e presentazione di un videogioco creato dai partecipanti stessi. Questo innovativo percorso formativo è finanziato dalla Zona sociale n.11 attraverso il programma regionale 'L’Umbria con e per i Giovani: costruire il Futuro', che rientra nei progetti territoriali attuativi della Intesa 77/CU/2022 - Fondo nazionale Politiche giovanili 2022". Le famiglie interessate possono iscriversi utilizzando il 'Qr Code' presente nella locandina dell'evento. Per ulteriori informazioni e per esprimere il proprio interesse a partecipare, è possibile contattare Valeria Cerasoli al numero 0744.747295 o Alessandro Fausti al numero 0744.747247.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Narni, il progetto ‘Gamification Camp’: “Sana aggregazione attraverso i videogiochi”

TerniToday è in caricamento