menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto tratta da facebook

foto tratta da facebook

La tragica scomparsa ed il libro che ci lascia in eredità Valerio Todini: “Una grande grinta ed entusiasmo per realizzare il suo sogno”

Il ricordo dell’Istituto Armando Curcio: “Un talento innato per la scrittura, è stato in grado di trasmetterci i suoi valori”

‘Sandro Pertini il presidente amato da tutti’ è il libro che ci lascia in eredità Valerio Todini. Il prossimo 11 gennaio uscirà in libreria e verrà presentato nei giorni seguenti. A soli 29 anni purtroppo se ne è andato e la sua scomparsa ha suscitato cordoglio, commozione e tristezza diffusa tra tutte le persone che lo hanno conosciuto ed apprezzato.

“L’idea nasce dalla conclusione del primo percorso formativo con l’Istituto” Esordiscono dall’Armando Curcio. “Nel settembre 2017 si iscrisse al corso di redattore editoriale, ed ebbe l’opportunità di partecipare ad un progetto di scrittura per i bimbi tra i 9 e 11 anni. Nel 2018, alla conclusione, cadeva l’anniversario dei 70 anni della nostra Costituzione. Quando raccontammo questi valori, a lui venne l’idea di narrare i concetti di libertà e rispetto. Erano i medesimi in cui credeva, attraverso la biografia di un personaggio che potesse essere importante da divulgare ai giovanissimi. Venne fuori il nome di Pertini”.

Il libro: “L’Armando Curcio Editore è specializzata nella pubblicazione e scrittura di biografie illustrate per ragazzi. Ci sono state diverse collane negli anni, dedicate a personaggi come Margherita Hack, Rita Levi Montalcini, personaggi della musica”. L’unità di intenti: “Tra la proposta di Valerio e la volontà di sposare il suo progetto da parte dell’Armando Curcio Editore, ha fatto centro. Si sono dilatati i tempi poiché cercavamo un bravo illustratore e renderlo adeguato alla comunicazione visiva per i ragazzi. È uscito il nome di Filippo Barbacini che ha preso in carico il tutto, portando a termine ciò che era stato concertato. Valerio non ha conosciuto Pertini ma ha scelto di raccontarlo. Il presidente è stato sempre vicino ai giovani, sensibile alla nuova classe dirigente. Inoltre si è assunto una grande responsabilità, nell’arco di tutto il percorso di scrittura, ovvero indicare una serie di elementi fondamentali del percorso di vita di Sandro Pertini”.

I punti salienti: “Siamo partiti dal contesto storico. Abbiamo raccontato la sua infanzia, l’istruzione ricevuta, come ha vissuto la Prima guerra mondiale, il primo dopoguerra, l’opposizione al fascismo, il ritorno in Italia, il suo arresto, l’amore per Carla, la liberazione, la Seconda guerra mondiale, fino agli incarichi istituzionali di Presidente della camera e della Repubblica.

Il ricordo di Valerio da parte dell’Istituto che ha sempre creduto in lui: “Lo abbiamo seguito per tre anni all’interno dei percorsi di studio. Aveva una grinta ed entusiasmo tali da voler realizzare il suo sogno. Un esempio da divulgare ai nostri piccoli e grandi lettori. Lui è stato in grado di trasmetterci i suoi valori. Da parte nostra ci siamo prodigati per far accrescere ed avvalorare le sue competenze. Aveva un talento innato per la scrittura, andava affinato ma ha saputo catturare la singola sfumatura di ogni parola, alle lezioni seguite. Anche durante la malattia era sempre e comunque aggiornato. Una passione diventa un sogno – sottolineano dall’Armando Curcio - ma un sogno si può realizzare solo con il dovuto impegno. Il libro che ci ha lasciato è un modello anche come testimonianza attiva e noi abbiamo voluto investire sul suo talento, fin da subito. Presenteremo il libro, ci sarà anche Michele Cucuzza il quale ha conosciuto sia Pertini che Valerio. Inoltre una sua carissima amica ossia Enrica Beccarisi, il prossimo 25 febbraio discuterà una tesi sull’argomento”. C’è solo da pazientare qualche giorno prima di poter apprezzare visivamente il lavoro svolto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento