Villalago, possibile riapertura il 10 agosto. Santini: “C’è l’impegno per stilare un nuovo cronoprogramma”

La consigliera provinciale e comunale Monia Santini dopo l’audizione con il dottor Galati: “Grande tesoro di potenzialità rappresentato da Villalago”

foto di repertorio

Una possibile data di riapertura (10 agosto ndr) e l’impegno di stilare un cronoprogramma dopo quello concertato e contestualmente saltato. Si è tenuta nel corso della giornata – venerdì 31 luglio - l’audizione richiesta dalla consigliera provinciale e comunale Monia Santini in commissione garanzia e controllo della provincia. La riunione ha visto la partecipazione del dottor Galati, in rappresentanza della società Il Delta Service s.r.l., appaltante della proprietà di Villalago.

“Dal momento del mio insediamento in provincia – afferma Monia Santini - la cosiddetta questione Villalago è stato il mio primo obiettivo ossia quello di aiutare a risolvere una situazione annosa e intricata, fortemente sentita dalla città e dalla provincia tutta. Fino ad oggi, infatti, ha solo ascoltato e letto tante chiacchiere vane e visto nessun fatto, se non quello che la provincia da una parte e la Delta Service dall’altra sembrava parlassero due lingue distinte e incomprensibili l’una per l’altro.

“L’audizione, avvenuta dopo anche il sopralluogo sempre da me sollecitato come primo step di un cammino verso questo grande obiettivo, è durata ben due ore di grande confronto. A volte – aggiunge – si sono raggiunti anche toni un pizzico accesi ma doverosi per arrivare a definire, una volta per tutte, l’intenzione del concessionario nei confronti del bene. Essendo appunto un bene pubblico, costituisce per il concessionario una responsabilità ancora maggiore in quanto deve rendere conto del proprio operato non solo al diretto proprietario quindi la provincia, ma a tutta una cittadinanza”.

“L’impegno verbale preso dal dottor Galati a nome della società che rappresenta è quello di, non solo riaprire il parco a breve, affermando con grande ottimismo intorno al 10 agosto. Tenendo conto che oggi è il 31 luglio nutro qualche timore più che dubbio. Ciò che invece interessa maggiormente è il fatto che su mia espressa sollecitazione, si è formalmente preso l’impegno di sedersi di nuovo con la provincia, per stilare un nuovo cronoprogramma in quanto quello depositato al tempo, è saltato completamente”.

“Solo ed unicamente un’unità di intenti e impegni ben chiari precisi e definiti, messi quindi nero su bianco, possono portare alla risoluzione della questione Villalago. Oggi – chiude Monia Santini - sembrerebbe sia stato fatto il primo passo per costruire questa strada, insieme alla meravigliosa anticipazione che il dottor Galati ci ha fatto sulla prossima riorganizzazione della mostra di opere di De Felice presso Villa Franchetti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento