Ospedale di Terni, l’assessore Coletto in visita: “Grandi professionalità mediche che attraggono anche pazienti di fuori regione”

"La vostra esperienza potrà senz'altro esserci utile nella futura programmazione sanitaria" ha affermato durante la visita

foto di repertorio

“Ringrazio tutti per il vostro lavoro. L'azienda ospedaliera di Terni ha saputo affrontare con grande professionalità l'emergenza Covid e ora ha dato il via alla Fase tre”. L’assessore alla sanità della Regione Umbria Luca Coletto si è recato stamane in vista presso l’azienda ospedaliera. Erano presenti il collega ai lavori pubblici Enrico Melasecche, il sindaco Leonardo Latini e Claudio Dario direttore regionale alla Salute. Insieme al commissario straordinario Andrea Casciari ha visitato i vari dipartimenti dell'azienda ospedaliera oltre a constatare l’inaugurazione della clinica medica dell’ospedale. La struttura infatti è tornata alla sua normale attività dopo i rapidi lavori di ristrutturazione iniziati a fine maggio, subito dopo aver trasferito gli ultimi pazienti covid al reparto di malattie Infettive.

“Per far fronte all'emergenza – ha sottolineato Luca Coletto - in questi ultimi mesi l'ospedale come stabilito dalle disposizioni nazionali, ha adottato una serie di misure che hanno comportato la limitazione delle normali attività assistenziali anche se sono state sempre garantite tutte le cure indifferibili".

“Ora l'ospedale riparte, forte anche delle grandi professionalità mediche che attraggono anche pazienti di fuori regione che vengono proprio a Terni per prestazioni di alta specialità. Sono certo, che dopo questa visita che è stata possibile solo ora con la riapertura dopo la fase critica dell'emergenza, avremo modo di confrontarci ancora. La vostra esperienza potrà senz'altro esserci utile nella futura programmazione sanitaria". Il sindaco di Terni ha ringraziato i medici e gli operatori sanitari "a nome di tutta la città per il lavoro svolto in questi mesi con grande dedizione, fatica e professionalità, permettendo così all'ospedale di Terni di diventare un punto di riferimento regionale".   

Dopo il dipartimento medico la visita è proseguita ai dipartimenti Neuroscienze, Materno-Infantile con l'adiacente Cell Factory, all'avanguardia per le sperimentazioni con trapianto di cellule staminali che vengono prodotte, conservate e impiantate proprio nell'ospedale di Terni. L'assessore si è recato inoltre, alla sala ibrida, ai dipartimenti testa-collo, chirurgia, cardio-toraco-vascolare, diagnostica per immagini, emergenza-urgenza, al dipartimento di oncologia compresa la radioterapia e passando per il dipartimento di diagnostica di laboratorio e immunotrasfusionale, alla clinica di malattie infettive destinata a diventare un polo esterno dedicato a possibili future emergenze sanitarie come quella della pandemia prodotta dal covid. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Terni sotto shock, è morto l’avvocato Massimo Proietti. Il cordoglio delle istituzioni e l'annuncio dei funerali

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

Torna su
TerniToday è in caricamento