Attualità Ferentillo

We are Valnerina: 800 giovani, 3 progetti d’impresa avviati e 100 idee proposte. “Pronti per ripartire”

Presentati i risultati del progetto che ha coinvolto i Comuni di Arrone, Montefranco, Ferentillo e Polino. Lattanzi e Venti: “Raggiunti gli obiettivi di rilancio dopo il sisma e di aiuto ai giovani”.

Imparare le tecniche ed acquisire le conoscenze necessarie per sviluppare future opportunità di lavoro per i giovani della Valnerina.

È con questi obiettivi che l’anno scorso partiva We are Valnerina, iniziativa legata al bando nazionale Restart coordinata dalla Provincia di Terni e promossa da Anci. Un progetto dal valore di circa 193 mila euro finanziato con fondi del Dipartimento della Gioventù della presidenza del Consiglio dei ministri e del servizio civile nazionale oltre che, in parte, dalla Provincia stessa e dai Comuni di Arrone, Ferentillo, Montefranco e Polino.

In un anno di attività sono stati coinvolti 800 giovani fra i 16 e 35 anni, sono state assegnate 8 borse di studio dal valore ciascuna di circa 6mila euro, sono stati avviati 3 progetti di impresa e proposte un centinaio di dee imprenditoriali da sviluppare.

La Valnerina ternana è pronta per ripartire, quindi, e lo fa puntando tutto sui propri giovani. Che lasciano nei quattro comuni coinvolti un segno permanente del loro impegno: le sedi degli Info Point e dei Living Lab, attrezzati come spazi di lavoro oltre che di informazione turistica con macchinari per il cucito (Montefranco e Ferentillo), per la manipolazione dei cibi (Arrone e Polino), per attività creative e di produzione artistica e come laboratori multifunzionali dotati di apparecchiature informatiche e di reti wireless.

“Abbiamo dimostrato che questo è un territorio ricco e di grande bellezza, dove è possibile fare impresa giovanile – commenta Donatella Venti, direttore provinciale dell’area tecnica e responsabile del progetto – abbiamo dotato la Valnerina di spazi aperti per incontrarsi e per fare rete, sviluppando insieme i progetti. Speriamo che qui nascano tante altre start-up”.

Un bilancio più che positivo: “Siamo molto soddisfatti di quanto ha prodotto We are Valnerina – spiega Giampiero Lattanzi, presidente della Provincia – perché possiamo dire di aver raggiunto gli obiettivi che erano quelli di far ripartire il territorio dopo il sisma e creare i presupposti per nuove opportunità di lavoro per i giovani”.

Tanta la soddisfazione dei comuni coinvolti, soprattutto per le possibilità occupazionali dei giovani: “Da sottolineare che questo è stato un progetto portato avanti da tante ragazze, soprattutto – commenta Remigio Venanzi, sindaco di Polino – hanno portato una ventata di novità e sono riuscite a coinvolgere anche tanti adulti”. “Volevamo fare qualcosa per i giovani e con i giovani – dice Marsilio Francucci, assessore del Comune di Arrone – perché sono loro la nostra migliore risorsa”.

L’evento finale di We are Valnerina è in programma per l’8 dicembre a Ferentillo dalle 14 lungo Via della Vittoria, dove si svolgerà la fiera mercato con degustazioni “Valnerina in vetrina”. Presenti oltre 30 espositori composti da produttori locali, artigiani, aziende agricole e attività commerciali, che metteranno in mostra le loro eccellenze per una giornata nel segno delle tipicità della Valnerina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

We are Valnerina: 800 giovani, 3 progetti d’impresa avviati e 100 idee proposte. “Pronti per ripartire”

TerniToday è in caricamento