Giovedì, 24 Giugno 2021
Attualità

Ztl e mercatino, si accende il dibattito. L’attacco delle minoranze: “Il sindaco Latini incapace di dare risposte”

La nota congiunta delle minoranze Senso civico, Movimento Cinque Stelle e Partito Democratico: “Guarda dagli spalti la città ignorandone i problemi”

foto mercatino

Due tematiche al centro del dibattito politico, in questi primi giorni di dicembre. La prima riguarda l’apertura – o meno – della Zona traffico limitato proposta da parte della maggioranza e rigettata dalla Lega. Sulla questione del mercatino invece sono state le foto ed i video girati ad accedere la discussione. I mercatali, infatti, hanno dovuto lavorare in condizioni particolarmente precarie, a causa del pantano creatosi dopo il maltempo.

"Il sindaco di Terni continua a guardare dagli spalti la città ignorandone i problemi” affermano i consiglieri della minoranza di Partito Democratico, Senso Civico e Movimento Cinque Stelle. “Mentre la sua maggioranza si azzanna per dare un senso al risultato delle ultime elezioni, come un Cesare qualsiasi il sindaco continua tacere, pensando magari che le tante difficoltà che vive la città, le proposte delle minoranze e le risse della sua maggioranza, siano solo uno spettacolo in suo omaggio e non qualcosa su cui dovrebbe esprimersi per dare una risposta e abbozzare una soluzione”.

I consiglieri aggiungono: “Ogni giorno che passa i ternani sono sempre più lasciati a loro stessi. Il primo cittadino non solo non partecipa alle commissioni in cui si parla del presente e del futuro dell'azienda ospedaliera ternano. Non riesce a decidere neanche le cose più semplici, come dove mettere un mercatino o quale sia la posizione dell'amministrazione sulla Ztl. Proprio in queste ore gli ambulanti si trovano in mezzo al fango e denunciano ciò che sono costretti a vivere, mentre nessuno risponde né dà seguito alle decisioni già prese. Un dibattito serrato quello sullo spostamento del mercatino in centro – sottolineano i gruppi consiliari - a cui le minoranze hanno contribuito in modo decisivo e che era stato accolto a parole ma viene rinviato di giorno in giorno, senza alcun apparente valido motivo, se non le solite liti di bassa bottega politica”.

“A questo gioco di prestigio e alle favole dei vecchi zii, i ternani non credono più da tempo e non hanno bisogno di insensati monologhi domenicali sui giornali, ma che il sindaco faccia il suo lavoro e prenda decisioni” concludono.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ztl e mercatino, si accende il dibattito. L’attacco delle minoranze: “Il sindaco Latini incapace di dare risposte”

TerniToday è in caricamento