rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Attualità

Ztl a Terni, cosa cambia per corrieri, ristoratori e commercianti: le possibili novità

Modifiche al regolamento per l’accesso al centro storico della città. L’assessore Marco Iapadre: aggiustamenti che non andranno a stravolgere il dettato regolamentare. Confartigianato: proficua fase di confronto. Confcommercio: si poteva fare prima senza creare tutti questi disagi

Secondo l’assessore comunale alla viabilità di Terni, Marco Iapadre, si tratta di “aggiustamenti che non andranno a stravolgere il dettato regolamentare”. Insomma, l’ossatura della “riforma” della zona a traffico limitato non viene rimangiata. Ma la ztl, a due settimane dall’entrata in vigore del nuovo regolamento (15 marzo) è destinata a cambiare pelle. Di “proficua fase di confronto” parla Confartigianato imprese Terni. Soddisfazione viene espressa anche da Confcommercio che però sottolinea il fatto che “si poteva fare prima, senza creare tutti questi disagi”.

Quali sono, dunque, le novità? Allora: il nuovo regolamento, fatti salvi aggiustamenti ulteriori che potranno intervenire nel caso in cui verranno avanzate a Palazzo Spada altre istante da ulteriori categorie interessate alla questione (residenti, medici) dovrà passare per la giunta e poi per il consiglio comunale. L’agenda dice però che questo percorso potrebbe concludersi in tempi relativamente stretti. Diciamo, metà aprile.

Ufficiosamente si può però anticipare qualche elemento di modifica, proprio a partire dalle richieste avanzate dalle associazioni di categoria, in primis proprio Confartigianato. Il regolamento ztl “bis” conterrà dunque – probabilmente - l’ampliamento delle fasce orarie per il carico e scarico merci che in via generale saranno 4-11 del mattino e 14-17 del pomeriggio. Le operazioni di carico-scarico per i permessi M (corrieri, ecc.) avverranno invece h24 nella ztl e nelle fasce 4-11 e 14-17 in aree pedonali e zone interdette. Le operazioni di carico scarico con mezzo proprio da parte di commercianti e artigiani localizzati all’interno della ztl avverranno per fasce orarie (4-11 e 14-17) in ztl, Ap e Zi. Le novità dovrebbe prevedere inoltre la reintroduzione della possibilità di accesso per gli odontotecnici, l’accesso h24 per i permessi St (servizi tecnologici) in ztl, Ap e Zi con inclusione di carico scarico bombole di gas per cottura cibi e riscaldamento, manutenzione di registratori di cassa, servizi antincendio. Novità infine anche per i ristoratori che, oltre le fasce generali dovrebbero poter avere una ulteriore fascia dedicata 9-12 e 16-18.

La nota di Palazzo Spada

“Si tratta di semplici aggiustamenti – commenta l’assessore Marco Iapadre - che non andranno a stravolgere il dettato regolamentare, né ad allargare la platea degli aventi diritto quanto, piuttosto, ad aggiustare il tiro rispetto alle specifiche esigenze emerse dopo l’entrata in vigore della nuova disciplina e rappresentate dai diversi soggetti interessati”.

“Le modifiche – aggiunge l’assessore - sono state elaborate a seguito delle osservazioni ricevute e di una serie di incontri appositamente organizzati con i diversi portatori di interessi, come quello di martedì scorso con le associazioni disabili e quelli di questa mattina con le associazioni di categoria che, alla presenza del vicesindaco Riccardo Corridore, dell’assessore al commercio Stefania Renzi e del sottoscritto, hanno espresso ampia soddisfazione rispetto agli annunciati aggiustamenti. Ringrazio a tal proposito tutte le associazioni che, in una posizione di generale condivisione della norma e della ratio alla sua base, si sono mostrate aperte ad un confronto utile e costruttivo, svolgendo un prezioso ruolo di intermediazione tra l’ente e i propri associati”.

“L’amministrazione era consapevole fin dall’inizio che una modifica così profonda del regolamento avrebbe inevitabilmente comportato l’esigenza di aggiustamenti in corsa per il perfezionamento della disciplina, ma ribadisco che si tratta di modifiche limitate e non sostanziali, volte più che altro a sanare specifiche difficoltà operative, senza tradire il pensiero alla base dell’intervento o metterne a rischio gli obiettivi finali. Per il resto – conclude Iapadre – sono sicuro che sia giusto chiedere alla città un piccolo sforzo organizzativo e di cambiamento di paradigma, nell’ottica del raggiungimento di obiettivi alti, e credo condivisibili, come la vivibilità del centro e la riduzione delle troppe auto circolanti al suo interno”.

Il commento di Confartigianato

“A conferma di una azione di confronto con gli assessori competenti fortemente mirata a dare risposte alle oggettive esigenze delle imprese – commenta Copnfartigianato imprese Terni - questa mattina nell’incontro tra il vicesindaco Riccardo Corridore, gli assessori Marco Iapadre e Stefania Renzi con le associazioni di categoria sono state accolte sostanzialmente tutte le richieste di modifica del regolamento ztl formulate da Confartigianato Terni e contenute nel documento inviato nei giorni scorsi. Ringraziamo l’amministrazione comunale per la nuova proficua fase di confronto che ha determinato un ulteriore adattamento delle norme sulla base delle oggettive criticità evidenziate dalle imprese. Secondo l’orientamento espresso dagli assessori, le modifiche per entrare in vigore saranno sottoposte alla competenza del consiglio comunale in tempi rapidissimi, per consentire la soluzione delle difficoltà che al momento si evidenziano nelle diverse attività d’impresa”.

Il commento di Confcommercio

“L’intervento del sindaco ha consentito la concertazione – è invece la posizione di Confcommercio Terni - ma rimaniamo convinti che si potesse fare prima, senza creare tutti questi disagi. Auspichiamo serva per il futuro. Riguardo gli esiti dell’incontro, acquisiamo l’impegno dell’amministrazione a rispondere alle esigenze dei commercianti e dei ristoratori, così come richiesto da Confcommercio. Si tratta ora di tradurre gli impegni nelle modifiche al regolamento.

Per le attività economiche si dovrebbe superare il divieto di accesso nelle zona interdette che, al pari della ztl e delle Ap, avrebbero la possibilità di entrare nella fascia oraria dalle 4 alle 11 e dalle 14 alle 17, così come i corrieri. Questi ultimi dovrebbero poter accedere alla ztl h 24. Dovrebbe inoltre essere affermato il principio secondo cui, per il permesso C, è necessario modulare le autorizzazioni in funzione del settore merceologico. L’obiettivo verrebbe raggiunto da un lato prevedendo una specifica tipologia di permesso per i pubblici esercizi (permesso Cr) e dall’altro mediante l’introduzione nel regolamento della possibilità di combinare due permessi per uno stesso autoveicolo, ma limitatamente ad alcune attività. Come richiesto, per dare un quadro di riferimento certo agli operatori, il Comune si è impegnato a definire le modifiche in tempi brevi, compatibilmente con i necessari passaggi istituzionali. Resta da verificare come gli atti della commissione permessi verranno resi immediatamente pubblici, così come si sono dichiarati disponibili a fare l’assessore alla mobilità e il vicesindaco”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ztl a Terni, cosa cambia per corrieri, ristoratori e commercianti: le possibili novità

TerniToday è in caricamento