Salute e sicurezza sul lavoro, la sfida di Coop: obiettivo infortuni zero

L’azienda partecipa alla Giornata mondiale in programma domani, 28 aprile: “Adesione non banale, nel segno di un impegno rinnovato”

Una adesione non banale, nel segno di un impegno rinnovato. È con questi intenti che Coop aderisce alla Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro in programma domani, 28 aprile, che coincide con le celebrazioni del centesimo anniversario della nascita dell’ILO (Organizzazione internazionale del lavoro).  

Coop è stata la prima impresa in Europa e ottava nel mondo a ottenere nel 1998 la certificazione SA8000 - rinnovata nel 2017- che, oltre a vietare lo sfruttamento del lavoro minorile, impone norme efficaci in tema di sicurezza e salubrità dell’ambiente di lavoro. In Coop, dove il lavoro a tempo indeterminato tocca il 95%, si registra negli ultimi anni una costante e continua riduzione degli infortuni sul lavoro, sia nel numero, che nella gravità e durata migliorando continuamente gli indici cosiddetti “di gravità” e “di frequenza” con diminuzioni anche multiple di quelle del sistema nazionale. Tanto più in un anno come il 2018 che in Italia, diversamente dall’anno precedente, ha fatto registrare un aumento degli infortuni e degli incidenti mortali. Un dato ancora più preoccupante, se si pensa che per converso non è nello stesso periodo aumentato il tasso di occupazione nel nostro Paese.

Nelle 15 maggiori cooperative di consumatori e consorzi che aderiscono all’Associazione nazionale (Ancc-Coop) nel corso del 2018 si sono registrati 1.431 infortuni pari a un -8,1% rispetto al 2017, con una forte diminuzione delle giornate lavorative perdute per infortunio (-12,6%) e notevoli miglioramenti degli indici correlati agli infortuni, sia l’indice di frequenza che di gravità, che scendono rispettivamente di un -8,7% e di un -13,2%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tutto a fronte di oltre 55.000 dipendenti di cui il 95% a tempo indeterminato. L’ambiziosissimo obiettivo di “infortuni 0”, davvero molto dif­ficile da raggiungere in attività lavorative molto complesse, è stato confermato in numerose strutture di vendita e permane una intensa attività sul versante prevenzione e formazione. Le ore in formazione erogate nel corso del 2018 solo per la salute e la sicurezza sul lavoro superano le 200.000 unità, con un investimento superiore ai 2 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento