SPECIALE EUmbria - What Europe does for me? Assistenza sanitaria transfrontaliera: anche gli umbri possono usufruirne

Liste d’attesa troppo lunghe o trattamenti non adeguati alla propria patologia? Ci si può curare all’estero ed ottenere il rimborso delle spese sostenute. Ecco come funziona

Articolo realizzato nell’ambito del Progetto FISE-Europe Direct Terni – Comune di Terni – Università di Perugia, con il cofinanziamento della Commissione Europea

eumbriatoday-logo-2

I cittadini dell’Ue hanno la possibilità di potersi curare in un Paese diverso dal proprio ed ottenere il rimborso spese dallo Stato in cui vivono.

Il mito dei meridionali italiani che percorrono centinaia di chilometri pur di accedere a un miglior livello di assistenza sanitaria, rispetto a quella che è in grado di offrirgli la propria regione, potrebbe estendersi al resto della popolazione del Paese, anzi, dell’Unione europea. Infatti, grazie alla normativa europea, chi soffre di una patologia che non può essere curata nel proprio Paese d’origine o chi non può attendere di essere curato presso le strutture ospedaliere della propria nazione, viste le lunghe liste d’attesa, può ora accedere ai sistemi sanitari di altri Paesi facenti parte dell’Ue.

Le norme dell’Ue sull’assistenza sanitaria transfrontaliera garantiscono a tutti i cittadini il diritto di beneficiare di un trattamento medico programmato (come una visita specialistica, una terapia per una specifica patologia medica o un’operazione chirurgica) in un altro Paese dell’Ue alle stesse condizioni dei residenti di quello Stato. In più, l’assicurazione sanitaria nazionale copre, almeno in parte, i costi necessari per l’ottenimento di un trattamento all’estero. Il rimborso spese dovrebbe essere pari a quello dei costi che si sarebbero dovuti sostenere nel proprio Paese d’origine.

L’Indicatore multidimensionale dell’Umbria 2018, che si basa su dati per lo più del 2016 e di fonte Istat, mostra come la nostra regione sia tra le prime in Italia per indice di gradimento in relazione all’assistenza medica e infermieristica. Nonostante l’Umbria, quindi, risulti tra le migliori regioni italiane per salute e sanità può sempre risultare utile tenere presente la possibilità di farsi curare all’estero. Chi si occupa di fornire informazioni ai pazienti interessati all’assistenza sanitaria transfrontaliera è il Punto di contatto nazionale (NCP), istituito presso il ministero della Salute. Per maggiori indicazioni su questo diritto tutto europeo, si può contattare l’NCP italiano attraverso il form online https://www.salute.gov.it/portale/temi/p_sendMailNCP_ITA.jsp oppure tramite mail al ncpitaly@sanita.it .

La salute è un diritto di tutti e l’Ue, con l’aiuto dei suoi Stati membri, si impegna ogni giorno a salvaguardarlo.

Europe Direct Terni

B_EuropeDirect-Centre-FondB modificato-2

Leggi gli altri articoli di EUmbria

 L’eccellenza europea a Scienze politiche: al via le iscrizioni alla Cattedra Jean Monnet

“Cic to Cic”, integrazione da primato

Sesso e bulli: ecco le trappole della Rete per i più piccoli

Congedo di paternità, novità per tutti i papà umbri

Migranti e accoglienza, ecco come funziona lo Sprar di Terni

FISE-EUmbria, un progetto per portare l''Europa a casa tua

Dalla Bicocca di Milano a Sant’Anatolia per fare la tesi sugli “ecomusei”, che salvano comunità e tradizioni

L’Europa finanzia “le imprese culturali e creative”: 3 milioni per il primo bando in Umbria

Un Terremoto di Solidarietà dopo quello di macerie: giovani da tutta Europa per aiutare Norcia

Terni e Foligno tra carri e toques blanches: l'Umbria nell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale

L’Unione europea sostiene il microcredito locale tramite la Regione: dal 3 dicembre le richieste

“Ecco come sarà ricostruita la Basilica di San Benedetto a Norcia: dalla Ue tanti fondi di solidarietà”

Nel 2019 si vota per il rinnovo del Parlamento Europeo: ecco come esprimere un voto informato e libero

Unione Europea e futuro: una tre giorni a Perugia per avvicinare i giovani al mondo del lavoro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento