Benessere

Gratitudine e perdono, la "strada" per ritrovare la pace interiore

Benessere, la rubrica di Simone Coglitore: “Meditare per venti minuti al giorno può avere un enorme impatto in tutti i settori della nostra vita e portare grandi benefici”

Il primo passo fondamentale è imparare ad accogliere le cose per ciò che sono.
Mi ricordo le frasi dei maestri Zen che dicevano: Se una cosa la puoi cambiare perché ti preoccupi, se una cosa non la puoi cambiare perché ti preoccupi?”.
È una di quelle frasi che mi ha insegnato ad accogliere ciò che è, così com’è.
Una famosa preghiera degli indiani Cherokee recita: “Grande spirito rendimi capace di cambiare ciò che posso cambiare e di accettare ciò che non posso cambiare. E donami la saggezza di capire la differenza tra le une e le altre”.
Dobbiamo imparare ad accogliere il fluire della vita che è sempre in movimento, senza attaccarci a cose e persone. Come ci ricordano gli insegnamenti dei maestri: tutto è impermanente, fa parte della natura delle cose.
Prima accogliamo questa realtà, prima ci liberiamo. Accettare le cose per quello che sono, significa liberarsi dalla schiavitù della mente.

La pace è una condizione interiore

Occorre ricordare che la pace interiore, come la felicità o la gioia, sono qualità dell’anima. È una condizione che dipende dal tuo stato interiore, non condizionare la tua pace in base a ciò che vivi. Potresti pensare che non sei in pace perché sei stressato o pieno di preoccupazioni.

Ma se non hai risolto i tuoi conflitti interiori, anche senza stress e preoccupazioni, non saresti comunque in pace.
Ricorda, la mente dice: "Quando ogni cosa andrà a posto, troverò la pace. Lo Spirito dice Trova la pace e tutto andrà a posto”.
Ritrova il tuo centro, lì si trova la tua pace.

Vivere nel momento presente

La maggior parte del tempo che viviamo, ci preoccupiamo di qualcosa che appartiene al passato o che non è ancora accaduto. Vivere nel momento presente invece è una prerogativa di chi è in pace con se stesso e vive in modo consapevole.

Perché preoccuparsi del passato o del futuro? È nel momento presente che getti il seme del futuro, per cui se sei pre-occupato del tuo futuro, dovresti smetterla e occuparti del tuo presente!

Qui e ora puoi raggiungere la vera pace interiore. Nell’adesso non ci sono problemi, né preoccupazioni. C’è solo silenzio, ed è all’interno di quel silenzio che si può scoprire la pace.

Il presente è un dono, ecco perché si chiama così!

Gratitudine e perdono

Abbiamo a disposizione alcuni strumenti straordinari per la nostra evoluzione personale, due fra questi sono la gratitudine e il perdono.
Queste sono qualità dell’anima e rappresentano la chiave di accesso a una dimensione di pace e beatitudine.

Attraverso la gratitudine, creiamo le condizioni per sviluppare una maggiore serenità interiore e perdonando (noi stessi e gli altri) non permettiamo più a nessuno di contaminare la nostra pace.
È evidente che sarà più facile essere grati per le esperienze felici della nostra vita, infatti il difficile sarà proprio imparare a ringraziare e a perdonare i nostri “nemici” o le esperienze di dolore. Imparare a perdonare, ci permetterà di alimentare la nostra pace, non consentendo a situazioni esterne di rovinarla.

Perdonali, non perché loro meritano il perdono, ma perché tu meriti la pace”.

Dove metti l’attenzione?

Come forse saprai già, l’energia segue la tua attenzione. Dove metti lattenzione, là scorre lenergia. Su cosa ti stai focalizzando? Dove ti portano i pensieri?

Imparare a dirigere consapevolmente l’attenzione è importante per riprendere padronanza della mente. Porta attenzione interiormente, osservando ciò che accade e facendo attenzione alle emozioni che nascono dentro di te.

Non permettere a ciò che accade all’esterno di spostare la tua attenzione e disperdere energie. Quando capisci che una situazione o una persona ti sta trascinando via, fai un’azione consapevole e riporta la tua attenzione dentro di te.

Fai meditazione

Se ancora non hai provato la meditazione, stai perdendo un’occasione per scoprire una pratica molto importante che potrebbe cambiarti la vita.
Meditare per venti minuti al giorno può avere un enorme impatto in tutti i settori della nostra vita e portare grandi benefici.

La meditazione è uno strumento che tutti possiamo utilizzare per ritrovare quel contatto fondamentale con noi stessi. Il modo più semplice e naturale per sgombrare la strada verso la pace interiore.

Se non hai mai praticato, scopri come meditare da solo in modo semplice o approfondisci le tecniche di meditazione più avanzate.

Bene, ti auguro un cammino sereno e spero che un giorno ritroverai questo stato naturale di pace interiore. Allora, la emanerai silenziosamente intorno a te e ne beneficeranno tutti.

Prenditi cura di te.
Ci rileggiamo presto

*Sono un’anima in cammino nel suo percorso di ricerca ed evoluzione. Ho creato VisioneOlistica.it per diffondere risorse utili per il proprio benessere naturale, la crescita personale e spirituale. In questa rubrica ti racconto quello che ho imparato nel mio percorso, cercando di offrirti spunti utili per il benessere di corpo, mente e spirito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gratitudine e perdono, la "strada" per ritrovare la pace interiore
TerniToday è in caricamento