rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Benessere

Perché ci ammaliamo? Il significato profondo della malattia

Buone pratiche quotidiane per il benessere, in questo articolo parliamo delle cause della malattia e dell’insegnamento che ci porta nel momento in cui ne comprendiamo il significato

Oltre al solo piano fisico, potrebbero esserci altri livelli di lettura della situazione dolorosa che stiamo vivendo. Vediamo quali.

Se è vero, come abbiamo detto, che siamo l’insieme inscindibile di corpo, mente e spirito, allora non possiamo non tener conto anche degli aspetti interiori (emotivi, psicologici, animici) che, inevitabilmente, condizionano il nostro stato di salute.

Oltretutto dovremmo tenere in considerazione che, oltre a quello fatto di carne e ossa, abbiamo anche un corpo energetico, che permette all’energia vitale di fluire nell’organismo e nutrire i vari apparati.

Noi non siamo abituati a parlare di chakra e meridiani e forse ti sembrerà un pò troppo “new age”, tuttavia questo è alla base delle più antiche medicine del mondo, come quella indiana e cinese.

Tanto per farti un esempio molto pratico, anni fa ho curato un’ernia cervicale (per la quale avrei dovuto fare un intervento chirurgico) grazie all’agopuntura. Se ti interessa approfondire, te lo racconto in questo articolo.

Il principio di base è semplice: se vi è un equilibrio energetico e l’energia fluisce liberamente, si favorisce uno stato di salute; viceversa, se l’energia è bloccata o stagnante si crea uno squilibrio energetico con il conseguente indebolimento degli organi e delle difese.

Il concetto di equilibrio vale per tutto, anche per le dinamiche interiori. È stato appurato, ad esempio, che uno condizione di stress eccessivo contribuisce a generare uno stato infiammatorio nell’organismo.

Difatti tutte le emozioni influenzano il nostro organismo e sono strettamente correlate ai vari organi. Ecco un’infografica con la relazione tra emozioni e organi.

immagine articolo malattia-2

l pensiero può farci ammalare o guarire

Grazie ai recenti progressi dell’epigenetica, è stata ulteriormente confermata la stretta relazione tra le nostre dinamiche psicologiche (o conflitti irrisolti) e specifiche patologie, riportando anche moltissimi casi studiati e documentati.

Secondo gli studi su epigenetica e DNA di Bruce Lipton, si evince che i nostri geni sono controllati e condizionati dai nostri pensieri e dalle nostre credenze. (Leggi un estratto del libro “La biologia delle credenze”)

Anche i recenti studi della PNEI (Psico Neuro Endocrino Immunologia) hanno dimostrato come ogni atto psichico o spinta emozionale può modificare la risposta biologica del nostro cervello.

Di fatto il cervello è in grado di creare le condizioni necessarie per affrontare e risolvere qualsiasi malattia.

La nostra “macchina biologica” è perfetta ed ha uno straordinario sistema di autoguarigione innato, motivo per il quale dovremmo cercare semplicemente di mantenere il nostro organismo in grado di attuare tale processo.

Imparare a gestire pensieri ed emozioni è quindi un aspetto fondamentale per favorire un naturale stato di equilibrio e di salute.

Non tutti i mali vengono per nuocere

Io direi meglio: “nessun male viene per nuocere”!

Se quindi è vero che la malattia è una manifestazione di un disagio interiore irrisolto o che, volenti o nolenti, ne siamo responsabili, le domande che dovremmo porci dovrebbero essere: “Che cosa devo comprendere?” “Qual è il messaggio per la mia evoluzione?” “Cosa dovrei cambiare per guarire?”.

L’anima si incarna per fare esperienza ed imparare. I disagi, i momenti dolorosi come durante una malattia, ci permettono di instaurare un dialogo profondo con noi stessi nel quale possiamo imparare un insegnamento per la nostra evoluzione.

Magari il messaggio riguardo proprio dinamiche profonde, anche spirituali, che devono essere portate alla luce. Oppure dobbiamo semplicemente osservare quali comportamenti disfunzionali ci hanno portato a manifestare la malattia nella nostra vita e lavorare per cambiarli.

Ora ti invito ad una riflessione: possiamo accogliere il dolore per comprendere il dono che porta con sé?

Invece che tentare solo di eliminarlo, come ovvio che sia, possiamo provare nel frattempo a vivere quel momento non come una disgrazia o una punizione, ma piuttosto come un’opportunità?

Ricorda che nulla succede per caso!

*Sono un’anima in cammino nel suo percorso di ricerca ed evoluzione.
Ho creato VisioneOlistica.it per diffondere risorse utili per il proprio benessere naturale,
la crescita personale e spirituale.
In questa rubrica ti racconto quello che ho imparato nel mio percorso,
cercando di offrirti spunti utili per il benessere di corpo, mente e spirito.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché ci ammaliamo? Il significato profondo della malattia

TerniToday è in caricamento